A Costalovara

    0
    16

    Egregio direttore, con un gruppo di alpini, signore e “amici” della Sezione di Ivrea ho avuto il piacere e l’onore di soggiornare presso la Casa Alpina di Costalovara. È stata una esperienza molto positiva. La casa si trova in una conca sopra Bolzano circondata da una folta pineta vicino ad un piccolo laghetto. Si respira aria pulita e salubre che produce una forte sensazione di pace e serenità. Le camere ordinate ed accoglienti rendono il soggiorno ancor più piacevole, per non parlare dell’ottimo cibo, molto curato ed abbondante che ci ha fatto tornare con qualche chilo di troppo. Ogni mattina l’alzabandiera e la sera l’ammainabandiera, accompagnate dal canto dell’Inno nazionale, ricordano l’appartenenza alla grande famiglia alpina. Per alcuni giorni insieme al Tricolore e alla bandiera delle Nazioni Unite ha sventolato il vessillo della Sezione di Ivrea. Gli alunni di una vicina scuola hanno assistito alle cerimonie passando dallo stupore iniziale alla partecipazione gioiosa culminata con calorosi applausi. A pochi minuti di strada un simpatico trenino rosso porta alla funivia che ogni quattro minuti scende a Bolzano. Il giro panoramico è di notevole impatto. Per le signore le passeggiate sotto i portici di Bolzano e della vicina Merano non possono che essere interessanti, un po’ meno per le carte di credito.

    Marisa Bertasso

    Grazie signora Bertasso per questa pubblicità che viene dal cuore. E ci fa piacere che oltre agli apprezzamenti per l’ambiente e per il servizio alberghiero ricevuto, lei porti nell’animo l’emozione per quella bandiera issata e ammainata ogni giorno, accompagnata dall’Inno nazionale. Merce rara di questi tempi, quando è più facile sparlare del proprio Paese, che portarlo nel cuore.