7° Cisa: dicono di noi

    0
    49

    7º Convegno della stampa alpina: dicono di noi.

     

    Arrigo Cadore, ha quindi presentato Dino Bridda, nuovo direttore di In marcia, il giornale della sezione di Belluno che ha cambiato dizione della testata (era Col Maor). Il precedente direttore Mario Dell’Eva, che per motivi anagrafici ha lasciato la conduzione del giornale al quale ha collaborato per oltre quarant’anni,
    resta comunque una colonna del giornale ed un esempio di alpinità per tutti. Una testimonianza di quanto sia importante la collaborazione con la stampa locale è stata portata dalla giornalista Simona Pacini, della redazione del Il Gazzettino di Belluno. Ogni settimana, il martedì, il quotidiano pubblica dal 16 luglio dell’anno scorso una intera pagina all’attività delle sezione di Belluno, Feltre e Cadore. Un suggerimento che potremmo dare anche ad altri quotidiani, del Trentino, della Lombardia, del Veneto, perché il modello si adegua a tante altre province. Quella di Belluno ha detto Simona Pacini ha 200mila abitanti: ogni famiglia qui ha o ha avuto fra i suoi membri un alpino. Quando il capo della redazione Sante Rossetto ha deciso di affidare questa pagina a me, la cosa ha generato non poca ilarità fra i colleghi (e immagino anche fra gli alpini) . Era arrivata una settimana prima dalla Toscana. Sembrava che non ci fosse niente di più distante dal mio mondo da quello alpino. Abbiamo cominciato a scrivere storie e ricordi di reduci, soprattutto di Russia, abbiamo raccontato le attività dell’ANA, la protezione civile, lo sport, le attività rivolte al recupero storico. Se me lo consentite ha concluso la giornalista abbiamo ridato dignità di notizia alla memoria, ai ricordi, a quello che era stato e che, forse, nessuno avrebbe mai pensato di mettere su un quotidiano .