Dodici opere "nuove": ecco il regalo ad Asti degli alpini

0
10

#alpiniadunata2016

Arrivano da tutta Italia, 17 sezioni, e stanno lavorando per lasciare un bel ricordo agli astigiani nel dopo Adunata: sono più di 150 gli uomini e donne volontari della Protezione civile Ana impegnati in questi giorni in dodici cantieri aperti nell’Astigiano. Per molti di loro è un ritorno in città: erano già stati ad Asti nei giorni dell’alluvione a novembre 1994. 

Dunque scuole, pachi, piste ciclabili, sentieri saranno risistemati grazie al loro lavoro. È il regalo che le penne nere lasceranno alla città di Asti dopo l’Adunata nazionale degli Alpini in programma questo fine settimana, da venerdì 13 a domenica 15 maggio.

L’inaugurazione delle opere della Protezione civile Ana avverrà simbolicamente domani (venerdì 13) alle 14 al Bosco dei Partigiani, uno dei parchi dove sono impegnati oltre 40 volontari. Sempre ad Asti stanno lavorando per ripulire il giardino della Casa di Alfieri, che dopo vent’anni, nei giorni dell’Adunata, riapre le sue porte ai visitatori.

“Vogliamo fare un regalo alla città – ricorda Giuseppe Bonaldi, coordinatore nazionale della Protezione Civile Ana – per far capire che l’Adunata non è solo una festa ma anche impegno civile. Gli alpini sono prima di tutto portatori di valori e sentimenti, sono l’espressione sociale della città. La Protezione civile Ana lo dimostra nel suo lavoro quotidiano. Ai giovani diciamo: non c’è più la leva obbligatoria ma si può essere alpini nello spirito diventando volontari della nostra protezione civile”.

Questi i cantieri nel dettaglio:

PARCHI

Bosco dei Partigiani

Taglio piante e pulizia generale del verde; sistemazione del campo da gioco con un nuovo pavimento e la recinzione, camminamento per il collegamento della scala di accesso e le strade interne.

Parco Bramante (via Ugo Foscolo – Ponte Verde)

Nuove platee in calcestruzzo per poi installare delle giostre per ragazzi disabili.

Quarto d’Asti– Bocciodromo Antonio Marmo

Pulizia generale, taglio completo dell’erba e rifacimento recinzione perimetrale.


SCUOLE

Francesco Baracca (Piazza della Vittoria)

Taglio siepi, nuova recinzione di sicurezza, predisposizione di orto didattico.

Pascoli (via Piglione)

Nuova recinzione per delimitazione aree verdi e pittura dei cancelli, oscuramento recinzione.

Martiri (corso Ivrea)

Realizzazione di scivolo all’uscita di sicurezza dalla scuola

Galileo Ferraris (Via Galvani)

Ripristino funzionale esterno della locomotiva nel cortile della scuola, taglio degli alberi e sistemazione del cortile.

Ettore Lajolo (corso Alba)

Realizzazione dell’orto per i ragazzi, sistemazione di un nuovo cancello.

Portacomaro

Rifacimento intonaci perimetrali e realizzazione di una piattaforma in piastra di calestruzzo per formazione di uno spazio gioco per bambini.

Quarto

Sostituzione della recinzione ammalorata e delimitazione orto didattico.

Scuola Gramsci (via Fenoglio)

Ripristino generale di un pista ciclabile per i ragazzi: sono 250 metri dotati di cartellonistica stradale gli scolari apprendono il comportamento da tenere sulla strada.

Casa di Alfieri

Pulizia generale del giardino con sistemazione aiuole.