VENEZIA – La medaglia di Mario Angheben

    0
    31

    Il Gruppo di Fiume d’Italia si è riunito a Pisogne (Brescia). La giornata è iniziata con una cerimonia presso il monumento ai martiri delle foibe: oltre ai soci del Gruppo hanno partecipato i fratelli del gruppo alpini locale, sempre sensibili e disponibili. Dopo gli onori al Tricolore e ai Caduti è stato compiuto un gesto altamente simbolico, appuntando sul gagliardetto del gruppo la Medaglia d’Argento al V.M. decretata a Mario Angheben, sottotenente del 6º Alpini, battaglione Verona, volontario irredento fiumano nel Regio Esercito, al quale il Gruppo è intitolato.

    Angheben cadde eroicamente il 30 dicembre 1915 a Malga Zures (allora “Zurez”) in Trentino. Con decreto luogotenenziale del 15 ottobre 1916 gli venne conferita la Medaglia di Bronzo al V.M. alla memoria, poi commutata nel 1922 in Medaglia d’Argento. La madrina del Gruppo di Fiume d’Italia Mirella Sabadini, ha consegnato la medaglia all’alpino Ugo Musco nativo di Borgomarina (quartiere di Fiume) che l’ha appuntata al gagliardetto. Alfiere, l’artigliere Dante Martinelli, coadiuvato dall’alpino Luigi Peretti.

    Presente il vice Presidente sezionale Aldo Duiella, nativo di Zara, il sindaco del Comune ospitante, i gagliardetti di Pola e Zara nonché una rappresentanza della locale Sezione fanti. Momenti di commozione e qualche lacrima hanno preceduto l’assemblea del Gruppo. La giornata è poi continuata fino a sera con il rancio alpino in allegria.