Un sentire condiviso

    0
    3

    Ho letto l’editoriale di maggio sul Piave. È magnifico. Io non ho fatto il servizio militare e tanto meno l’alpino e se c’è una cosa per la quale provo invidia nei confronti dei miei amici alpini è proprio questa. 

     

    Le confesso però, don Bruno, che leggendo i suoi editoriali e condividendo quanto lei scrive, mi sento anche io alpino (minuscolo), non nella divisa ma nell’anima. Grazie, grazie, grazie don Bruno e mi permetta di darle un grande abbraccio.

    Giuliano Muzio, amico degli alpini Gruppo di Rubiana, Sezione Val Susa

    Caro Giuliano, grazie per questi apprezzamenti. È sempre gratificante sapere che le nostre parole hanno toccato il cuore e la mente di qualcuno, rendendoci accomunati da un sentire condiviso. Anche questo genera fraternità. Ricambio l’abbraccio.