Sottotenenti… sottostimati?

    0
    23

    Ho avuto l’impressione che gli ex AUC della SMALP riescano scomodi all’ANA. Forse in alcune occasioni i sottotenenti (Sten) sono poco funzionali ai disegni dell’Associazione; ma, nel momento in cui non indossiamo più le stellette, dovremmo tenerci cara la non uniformità di pensiero. Gli alpini Sten sono un po’ diversi dagli alpini soldato perché hanno vissuto l’esperienza militare in maniera diversa: gli uni a dare gli ordini, gli altri a eseguirli. Ci sono, è vero, elementi negativi fra noi, ma si tratta di eccezioni: la stragrande maggioranza è costituita da alpini, talché, una volta smessa la divisa, non ci sono più distinzioni di grado, si è tutti alpini. E allora perché rimarcare le differenze e appuntarvi il dito,
    anziché accettarle, perché non dare un minimo di risalto a chi il nostro sentire alpino non lo ha dimenticato?


    Filippo Rissotto


    A me non sembra che l’ANA tenga in scarsa considerazione gli Sten; tu non tieni conto di quanto è stato scritto sulla nostra rivista in vostra difesa con articoli, in Zona franca, nelle lettere al direttore. L’ANA considera una delle peggiori jatture l’aver abolito la figura dell’ufficiale di complemento, una categoria che ha retto tre guerre di indipendenza, due guerre mondiali e tre avventure africane al fianco dei colleghi effettivi dei vari gradi.
    Dire, poi, che essi non rientrano nei disegni dell’ANA significa non riconoscere al nostro presidente Parazzini (sten a sua volta!) il coraggio di aver affrontato a viso aperto i politici del passato e del presente.
    Il tuo pregevole scritto trae origine anche dalla perplessità manifestata dal CDN circa lo sfilamento, in blocco a parte, degli Sten alle nostre Adunate: ma non è previsto che gruppi di alpini sfilino fuori dalle proprie sezioni anche se, lo riconosco, vedervi sfilare è un piacere per gli occhi, almeno per quelli di un vecchio militare quale io sono. Ma, sempre da vecchio militare, penso che i regolamenti vadano osservati.
    Quanto al fatto che, smessa l’uniforme si è tutti alpini e basta, pienamente d’accordo: ma quello che ci rende veramente straordinari e che chiunque di noi, pur entrato in confidenza con quello che è stato suo superiore, non ne aprofitta ma mantiene con lui rapporti di costante rispetto.