Solidariet (concreta) dalle sezioni venete ai nostri reparti alpini in Afghanistan

    0
    20

    Ad un mese dalla riunione delle sezioni ANA del Veneto auspice don Albino per festeggiare il 134º compleanno del Corpo degli Alpini, si è presentata un’altra opportunità per dimostrare la nostra capacità di coesione. Da un colloquio tra il colonnello Maurizio Paissan, già comandante del 3º artiglieria da montagna e il consigliere nazionale Giuliano Chiofalo, è nata l’idea di supportare il contingente alpino che stava per raggiungere l’Afghanistan per mettere i nostri alpini in condizione di poter realizzare alcune opere rivolte al miglioramento della grama esistenza di quelle popolazioni.

    Come l’approvvigionamento idrico di un villaggio, per esempio, scavando un pozzo attorno al quale l’esperienza delle nostre missioni insegna rifiorisce la vita: è un bel biglietto di presentazione che caratterizza la presenza dei nostri alpini. Ed allora, ecco scattare la solidarietà di tutte le sezioni venete, alle quali si sono aggiunti i capigruppo della sezione di Udine e la sezione di Aosta. Il risultato della raccolta è stato consegnato all’attuale comandante del 3º, col. Maurizio Plasso, il quale ha espresso la sua gratitudine all’Associazione.

    Lo stesso ha fatto il gen. Mora, che ha ribadito l’apprezzamento per quanto fanno gli alpini delle nostre sezioni e dei nostri gruppi per permettere ai reparti in missione di aiutare la popolazione dei territori alla quale devono garantire sviluppo e pace. L’iniziativa delle Sezioni del Veneto non è certo isolata; Cuneo e altre città stanno promuovendo iniziative per essere vicine ai nostri giovani in armi che onorano con il loro lavoro e il loro impegno l’Italia. È questa la miglior risposta a coloro che, solo qualche settimana fa, hanno bruciato tricolori e manichini di soldati italiani.