Sci di fondo: il campione Alfio di Gregorio

    0
    138

    L’edizione 2002 del campionato nazionale A.N.A. sulle nevi di Forni Avoltri.

    Al 67 Campionato nazionale A.N.A. sci di fondo sulle nevi di Forni Avoltri si sono affrontati oltre 250 atleti dello sport bianco. La competizione che si svolta su un tracciato di cinque chilometri, reso perfetto dalla fitta nevicata notturna, stata ottimamente organizzata dagli alpini del gruppo di Forni Avoltri, guidato da Romano Romanin. Ha vinto Alfio Di Gregorio, della sezione di Vicenza.
    La giornata di gare stata preceduta dalle manifestazioni del sabato con la sfilata per le vie del paese, accompagnata dal Corpo Musicale Federico Vidale, l’alzabandiera al municipio, gli onori ai Caduti con la deposizione di una corona al monumento loro dedicato e la S.Messa, celebrata da don Gino Job. C’erano i vessilli delle sezioni di Bergamo, Domodossola, Feltre, Lecco e Sal, numerosi gagliardetti dei gruppi e una rappresentativa degli atleti dell’Associazione sportiva Monte Coglians.
    Domenica la gara. Campione nazionale del 2002 risultato Alfio Di Gregorio della sezione di Vicenza che ha trionfato nella 15 km di fondo individuale, nella categoria riservata a chi ha meno di 150 punti F.I.S.I. Secondo a tagliare il traguardo stato Loris Macor, seguito da Gianni Rupil (entrambi della sezione di Udine).
    La categoria senjor con pi di 150 punti F.I.S.I. stata vinta da Pietro Filippin (Pordenone) davanti a Italo Refosco (Belluno) e Ugo Pedrotti (Sondrio).
    Questi i primi tre classificati delle altre categorie. Categoria B5: Fulvio De Lorenzi (sezione di Sondrio), Innocente Del Fabbro (Carnica), Valentino Doriguzzi (Cadore). Categoria B4: Gaetano Di Centa (Carnica), Renato Rossi (Biella), Mario Slaviero (Asiago). Categoria B3: Carlo Rovisi (Trento), Valentino Stella (Aosta), Vincenzo Perret (Aosta). Categoria B2: Matteo Sonna (Trento), Enrico Morisi (Luino), Egidio Spreafico (Lecco). Categoria B1: Sergio Endrizzi (Trento), Gianangelo Longhini (Asiago), Gervasio Puntel (Carnica). Categoria A4: Sabino Maffei (Varese), Camillo Rosani (Trento), Valerio Baritussio (Carnica). Categoria A3: Battista Rossi (Sondrio), Andrea Rottigni (Bergamo), Ennio Savio (Vicenza). Categoria A2: Diego Magnabosco (Asiago), Marcello Gionta (Trento), Franco Rigoni (Asiago). Categoria A1: Stefano De Martin (Cadore), Valentino De Martin (Cadore), Walter Vallazza (Cadore).
    Per gli alpini in armi, nella 15 km di fondo individuale si imposto Nicola Scrignaro davanti a Alessio Cortese e Hannes Preschern, tutte penne nere della brigata Julia. Sul podio pi alto nella 10 km invece salito Remo Fuccaro dell’8 reggimento alpini, battaglione Cividale.
    Passiamo ai trofei, per i quali viene calcolato il miglior piazzamento degli atleti suddivisi per sezioni di appartenenza. Il Trofeo Carlo Crosa di fondo 10 km stato alzato dalla sezione Cadore con il trio d’oro Stefano e Valentino De Martin e Walter Vallazza, seguita dalla sezione Carnica e da Sondrio. Nel Trofeo Fillietroz di fondo 5 km si imposta Trento davanti a Udine e alla sezione Carnica.
    L’ambito Trofeo A.N.A. stato conquistato dalla sezione di Udine con Macor, Rupil e Alessandro Piccoli, che hanno ottenuto la miglior somma dei tempi nella 15 km. Seconda la sezione di Vicenza, terza Belluno.
    Udine si imposta con 1718 punti anche nella combinata 5, 10, 15 km, valevole per il Trofeo Colonnello Tardiani, seguita a breve distanza dai bergamaschi e dalla sezione Carnica. Gli atleti sono stati premiati nella sala del teatro comunale dal presidente della sezione Carnica Pietro Saldari, dal presidente della commissione Sport Fabio Pasini e dal consigliere nazionale Giorgio Sonzogni. Presenti tra gli altri, i consiglieri nazionali Mauro Romagnoli e Dante Soravito De Franceschi e il sindaco Loris Brunasso.