Promesse mantenute

    0
    6

    Vi scrivo da Piacenza. Volevo ringraziarvi di cuore a nome di tutti i piacentini per le giornate bellissime, meravigliose e indimenticabili che ci avete regalato.

    Nelle settimane precedenti l’adunata, ci avevate promesso: 1) un’invasione pacifica: è stata mantenuta la promessa; 2) tre giorni di festa : è stata mantenuta la promessa; 3) dal lunedì mattina non sarebbe rimasta in città alcuna traccia della presenza di voi alpini. È stata mantenuta la promessa, purtroppo. La città è vuota senza di voi. Sapete, noi piacentini siamo riservati. E voi siete riusciti a farci dimenticare la nostra riservatezza, il nostro timore di apparire troppo allegri (quando in realtà non c’è niente di male ad apparire allegri, anzi). La vostra gioia, vitalità e generosità sono state contagiose. Mai visti i piacentini così allegri e pieni di vita, e felici di vivere! Grazie ancora. Vi porto nel cuore, un cuore che adesso è alpino ! Ps: sono mamma di un ragazzo adolescente, e vorrei tanto che mio figlio diventasse un vostro fratello, un alpino. Grazie e grazie ancora, un abbraccio.

    Barbara Ferrari

    Sentire una madre che sogna per il proprio figlio adolescente un futuro tra gli alpini è un grazie che commuove. Anche noi ricambiamo coralmente l’abbraccio, a lei e alla sua famiglia.