MILANO – Il Son a Cassano d’Adda

    0
    27

    Gli alpini del Servizio d’Ordine Nazionale della Lombardia, su iniziativa del loro componente Luciano Granata, si sono ritrovati per il pranzo annuale al ristorante Julia di Cassano d’Adda, già di proprietà dell’alpino Giancarlo Colombo, reduce della Seconda guerra mondiale. Prima del pranzo, all’interno del cimitero, hanno reso omaggio al Milite Ignoto, nel luogo in cui si trova la targa in suo onore, posta lo scorso 7 novembre a confermare la cittadinanza onoraria conferita dall’amministrazione comunale.

    Il sindaco di Cassano d’Adda Fabio Colombo ha ringraziato gli alpini per il loro impegno associativo invitando tutti a Cassano nel 2022 per la commemorazione del 150º del Corpo degli alpini. Sono seguiti la visita e la resa degli onori alle tombe dei cassanesi generale Giuseppe Perrucchetti, ideatore delle Truppe Alpine e della famiglia Bazzi dove riposano Giulio, socio fondatore nel 1919 dell’Ana e nel 1928 della Sezione di Milano, ed il figlio Mario già vice Presidente sezionale, direttore dei giornali Veci e bocia e L’Alpino, nonché direttore del coro Ana di Milano.

    Poi, davanti al monumento del generale Perrucchetti, ha avuto luogo l’alzabandiera e, dopo la resa degli onori e la posa di un mazzo di fiori, Elco Volpi ha letto i nomi degli alpini del Son “andati avanti” a causa del Covid. Il Capogruppo Semini ha illustrato l’architettura del monumento e ha mostrato la targa a ricordo del generale, apposta dall’Ana nel 1920 sopra il portone d’ingresso del castello Visconteo. Il tutto è stato accompagnato dalla tromba del bocia Riccardo, figlio di Luciano.