IVREA – Mezzo secolo e un monumento

    0
    78

    In occasione del cinquantesimo del Gruppo di Bairo, si sono dati appuntamento numerosi Gruppi e alcune Sezioni. Erano 80 i gagliardetti accanto ai vessilli di Ivrea, Torino, Saluzzo, Pinerolo, Cuneo, Acqui Terme e Genova; numerose anche le autorità civili e militari e le associazioni d’Arma.

    Per fermare nel tempo questo avvenimento, il direttivo guidato da Adriano Rovetta ha dato incarico al socio Brenno Pesci, scultore-ceramista, di realizzare un tondo in terracotta come dono per le Sezioni e le autorità intervenute. E poi un’opera più grande: un pannello- monumento a ricordo perenne del traguardo. Pesci ha presentato un pannello in monocottura ceramica alto due metri e largo più di un metro, raffigurante gli alpini di oggi, impegnati nelle missioni di pace in tutto il mondo o in aiuto alle popolazioni colpite da calamità naturali portando. Nel pannello sono visibili un alpino e un’alpina, una donna araba, un ragazzo di colore, persone disperate, bambini che si accostano con fiducia e senza paura ai soldati con la penna nera. Al centro una bimba che riconoscente consegna un mazzo di fiori alla soldatessa. Sono accennati resti di macerie a rappresentare terremoti o guerre. Pesci ha voluto, con il colore, conferire all’umile e fragile argilla l’aspetto solido e forte del bronzo. L’opera ha ottenuto il consenso di tutti.

    Ivo Chiolerio