In politica senza cappello

    0
    61

    Caro direttore, Le scrivo per chiederLe alcune considerazioni. Non è la prima volta che mi capita di vedere sui Tg nazionali signori che partecipano a manifestazioni politiche, portare distintivi partitici, sfoggiando il nostro cappello alpino.

    Ora è vero che forse a questa mia ha in parte risposto con la lettera pubblicata su L’Alpino del febbraio 2015 dal titolo “Un suggerimento”, ma credo che sia importante rimarcare che l’Associazione non rappresenta questa o quella fazione politica ma che, come insegna la nostra storia, siamo sempre stati pronti ad intervenire senza chiedere nulla e, sotto il nostro cappello, abbiamo dato disponibilità, amicizia e voglia di fare. Le chiedo se l’Ana può in qualche modo ricordare che ogni socio è libero di difendere il proprio ideale ma che il nostro cappello non ha nessun colore politico! Un abbraccio fraterno a tutta la famiglia alpina.

    Massimo Fioravanti – Gruppo di Gattinara, Sezione Valsesiana

    Pubblico questa lettera che esprime identica lamentela di quella del direttivo del Gruppo Ana di Vipiteno. Mi limito a dire che quelli sono alpini di debole quoziente intellettuale. Se non fosse altro, perché ottengono esattamente il contrario di ciò che si prefiggono e, cioè, far da supporto a qualche partito. Anche la pubblicità ha bisogno di astuzia e di intelligenza, e qui non si vede né la prima né la seconda.