Il col. Esposito nuovo comandante del 32° reggimento Genio. Consegnate le borse di studio agli orfani dei Caduti

    0
    588

    Il colonnello Ovidio Esposito è il nuovo comandante del 32° reggimento genio guastatori. Alla cerimonia di cambio con il colonnello Domenico Puglisi erano presenti il generale Dario Ranieri, comandante della brigata alpina Taurinense, i gonfaloni della regione Piemonte, della provincia e della città di Torino, decorato di Medaglia d’Oro, i rappresentanti dei comuni di Lombardore e Villar Perosa, una rappresentanza dell’Associazione Nazionale Alpini e delle altre associazioni combattentistiche e d’arma.

    Nell’occasione è stata rinnovata l’iniziativa di solidarietà promossa lo scorso anno dal Rotary club Torino Dora a favore degli orfani dei genieri della Taurinense con la consegna di due borse di studio a favore delle famiglie del sottotenente Mauro Gigli e del caporal maggiore capo scelto Pierdavide De Cillis, caduti a Herat nel 2010 e decorati lo scorso 4 maggio con la Medaglia d’Oro al Valor Militare. Il fondo sosterrà gli studi di Marco Gigli, 9 anni, di Asia De Cillis, 4 anni, e del fratellino Pierdavide, il quale porta il nome del padre che non ha mai conosciuto.

    Il colonnello Domenico Puglisi ha lasciato il comando dopo un anno e mezzo, periodo nel quale ha dapprima guidato il 32° nella fase del rientro dalla missione in Afghanistan – dove il reggimento ha subito cinque perdite – per poi concentrarsi sull’operazione “Strade Sicure” che ha visto impegnato gran parte del reggimento in concorso alle forze dell’ordine nella città di Torino.

    Negli ultimi mesi il focus del 32° è stato sulla preparazione al prossimo turno di missione nella regione occidentale dell’Afghanistan nell’ambito dell’operazione ISAF, parallelamente ad un forte impegno sul territorio italiano, con decine di interventi di rimozione di residuati bellici in tutto il nord-ovest e i soccorsi prestati da personale e mezzi speciali alla popolazione ligure subito dopo l’alluvione dello scorso novembre.

    Il cambio del comando.

    La consegna delle borse di studio.