Il campione Juri Hofer

    0
    119

    Il trentino Juri Hofer ha bissato la vittoria dello scorso anno a Ponte di Legno, confermandosi campione A.N.A. di slalom gigante nelle gare disputate lo scorso 1º aprile al 41º Campionato nazionale, svoltosi al Monte Bondone e organizzato dalla sezione di Trento. L’atleta della valle di Fassa, portacolori del gruppo ANA di Moena, ha concluso la prova con il tempo di 49 30, con un vantaggio di 95 centesimi sul secondo classificato, il bergamasco Stefano Belingheri (50 25).

    Terzi e quarti in classifica generale altri due atleti della sezione di Bergamo, Daniele Simoncelli e Gian Mauro Piantoni, che hanno preceduto nella classifica della categoria Senior 1 Mauro Dionori del gruppo Cadore e i bellunesi Micheluzzi e Xaiz. Il vincitore assoluto, Juri Hofer, ha 25 anni e risiede a Moena in provincia di Trento.

    Sotto il profilo agonistico, si è messo in evidenza nelle competizioni giovanili gareggiando per lo Ski Team Fassa . Ski man professionista, fa attualmente parte dello staff tecnico della squadra nazionale azzurra femminile. Il Trofeo Ugo Merlini , riservato alle rappresentanze sezionali, è stato invece vinto dalla sezione di Trento che con 5.158 punti ha preceduto la sezione di Bergamo e quella di Belluno.

    Il successo dei campionati è testimoniato dai 362 atleti iscritti alla competizione che hanno rappresentato 39 sezioni ANA: alle squadre, tutte particolarmente numerose, provenienti dalle zone a maggior vocazione sciistica (Torino, Udine, Sondrio, Belluno, Cadore, Aosta, Bergamo, Brescia, Cuneo, Lecco) si sono aggiunte, fra le altre, le rappresentanze di Pisa e Lucca, di Parma, Milano, Firenze e dell’Abruzzo.

    Suggestiva la cerimonia di apertura, svoltasi nel tardo pomeriggio di sabato 31 marzo davanti alla chiesetta alpina di Vason del Bondone. Al termine dell’alzabandiera e dell’accensione del tripode olimpico il presidente della sezione di Trento, Giuseppe Demattè e il presidente della Commissione Sportiva Nazionale Antonio Cason hanno rivolto un saluto agli atleti. Si è quindi celebrata la S. Messa, accompagnata dai canti del coro sezionale di Trento. Ha concluso il campionato una solenne cerimonia di premiazione che ha portato gli alpini nel cuore della città. Dopo una breve sfilata per le vie del centro, al suono della musica di ben cinque fanfare alpine, in piazza Dante, ai piedi dello storico monumento al sommo poeta, sono state consegnate le medaglie e i trofei.

    Nel suo intervento, il presidente della Commissione sportiva nazionale Cason ha voluto rivolgere un particolare ringraziamento agli alpini che, con il loro impegno, hanno reso possibile l’organizzazione della manifestazione. Soddisfazione alla quale si è aggiunta quella del presidente del Consiglio comunale di Trento Alberto Pattini, del presidente provinciale del Coni Giorgio Torgler e del presidente della sezione trentina dell’A.N.A. Giuseppe Demattè, che ha rivolto, in particolare agli alpini provenienti dal Veneto e dal Friuli, un arrivederci al Raduno Triveneto che si svolgerà a Trento nell’autunno del prossimo anno.

    QUESTE LE CLASSIFICHE

    Categoria Senior: Senior 1 (punteggiati FISI da 1 a 150) Juri Hofer (Trento); Senior 2 (punteggiati FISI da 150 a 300) Arcadio Dalprà (Trento). Categoria Master A: A1 (classi dal 1971 al 1967) Antonio Moscardi (Valle Canonica); A2 (classi dal 1966 al 1962) Roberto Siorpaes (Cadore); A3 (classi dal 1961 al 1957) Danilo Sbardellato (Sondrio); A4 (classi dal 1956 al 1952) Massimo Baio (Lecco). Categoria Master B: B1 (classi dal 1951 al 1947) Martino Belingheri (Bergamo); B2 (classi dal 1946 al 1942) Nadir De Rocco (Belluno); B3 (classi dal 1941 al 1937) Oreste Peccedi (Sondrio); B4 (classi dal 1936 al 1932) Silvio Valt (Belluno); B5 e B6 (cassi dal 1931 al 1922) Francesco Falconi (Bergamo).

    Fabio Lucchi