I genieri alpini della Taurinense in Kosovo

    0
    70

    Il XXX battaglione del 32º reggimento genio guastatori alpini della brigata Taurinense é in Kosovo. Il comandante del reggimento ten. col. Michele Corrado ha assunto il comando della task force Astro che opera alle dipendenze della brigata multinazionale Sud Ovest, avendo rilevato i genieri del 21º reggimento di Caserta. Il comando italiano ha alle sue dipendenze anche reparti argentini, tedeschi e bulgari.

    La missione dei nostri genieri alpini è delicatissima, perché il loro compito consiste nel rendere il territorio sicuro dalle mine che in abbondanza sono state disseminate durante la guerra. La bonifica del territorio comprende anche il rastrellamento di armi, ordigni ed esplosivi di vario tipo che i genieri alpini fanno poi brillare o rendono inoffensivi. I genieri utilizzano anche uno speciale cannone ad acqua per sciogliere le cariche di trappole e ordigni .

    Non manca l’attività di assistenza alla popolazione e di opere civili, come il ripristino di strade e di collegamenti con gli altri reparti della forza multinazionale e il reinsediamento di famiglie che occupavano abitazioni abbandonate in seguito al conflitto, previa bonifica dell’area circostante dalle trappole e dalle mine. Si calcola che centinaia di migliaia di ordigni di varia natura siano stati disseminati in Kosovo nelle settimane dell’invasione serba e della fuga della popolazione locale. L’opera dei nostri genieri alpini è altamente apprezzata dal comandante della brigata multinazionale generale Norbert Steir.