GORIZIA – Una scuola intitolata al ten. col. Cuzzi

    0
    263

    La collaborazione tra la scuola primaria di largo Isonzo a Monfalcone, il Comune e il Gruppo Ana ha consentito, dopo quasi due anni di trafila burocratica, la realizzazione di un evento unico in tutta la Provincia di Gorizia: l’intitolazione di una scuola pubblica ad un alpino. È stata così valorizzata la figura del ten. col. Amelio Cuzzi, Medaglia di Bronzo al V.M. che, oltre ad essere stato Capogruppo di Monfalcone, collaborò con molte altre associazione locali e fu l’ideatore della “Fiaccola alpina della fraternità”.

     

    Attori principali della giornata sono stati 250 alunni delle classi della scuola primaria con le maestre, la direzione dell’istituto e le famiglie. L’iniziativa è il frutto di quasi 25 anni di collaborazione tra il Gruppo Ana e la scuola di Monfalcone, basata su escursioni nei luoghi storici del Carso monfalconese e con le visite alle trincee e ai rifugi della Grande Guerra, tutte iniziative nate da un’idea del socio Franco Gregori, “andato avanti” tempo fa. La cerimonia nel cortile imbandierato della scuola, alla presenza del gonfalone della città di Monfalcone decorato di Medaglia d’Argento al V.M., si è aperta con il saluto del Presidente sezionale Paolo Verdoliva.

    I figli di Amelio Cuzzi, Marco, Marina e il nipote Bruno (alpino), hanno scoperto la targa sulle note della Fanfara della brigata Julia e tra gli applausi hanno ricordato il loro papà e gli insegnamenti che ha lasciato. Il Capogruppo Gilberto Secco ha quindi letto la motivazione della Medaglia al ten. col. Cuzzi e una breve biografia: la gioventù a Parenzo, gli studi effettuati a Trieste, le sue molteplici attività sportive fino al richiamo per la guerra che lo ha visto partecipe in operazioni che vanno dalla Grecia alla Jugoslavia, all’Italia e dopo l’8 settembre, con le truppe alleate nella Guerra di Liberazione. Al termine del conflitto si dedicò alla vita politica di Monfalcone, diventandone sindaco e dedicandosi al contempo al Gruppo locale, di cui fu Capogruppo.

    Tra gli ospiti c’erano la signora Bruna, maestra dell’Istituto e instancabile coordinatrice dell’evento, gli alpini del Gruppo di Pola, ora confluiti nella Sezione di Venezia, che non hanno voluto mancare alla manifestazione in onore di Amelio, già loro Capogruppo dal 1973 al 1995, succeduto al cugino Umberto Cuzzi. La cerimonia è continuata con la consegna dei riconoscimenti al ten. col Comelli in rappresentanza della brigata Julia, al capomusica della fanfara Maestro Sebastianutto e con l’intervento del sindaco di Monfalcone Silvia Altran.

    Commovente l’esibizione, a sorpresa, del coro dei bambini che hanno intonato “Sul Cappello” e “Joska la Rossa”, seguiti dalla Fanfara della Julia con un meraviglioso carosello, chiuso dalla “Marcia trionfale” dell’Aida e dal “Trentatré”.