Fra bandiere e vessilli

    0
    87

    È andata oltre ogni aspettativa la 91ª festa della sezione Bolognese- Romagnola e il concomitante 13° raduno del 2° raggruppamento, sabato 19 e domenica 20 ottobre a Castel San Pietro Terme. È stata una grande festa di popolo culminata nella sfilata di domenica, con la città intera che ha accolto con amicizia e simpatia diecimila alpini.

    I numeri: 20 Sezioni, 672 Gruppi e 15 fanfare del 2° raggruppamento, più una ventina di Sezioni di altri Raggruppamenti dal Friuli al Molise, 23 associazioni d’arma, 135 pullman testimoniano un successo che ha ripagato ampiamente i mesi d’impegno dedicati alla complessa organizzazione di un evento così importante.

    Una organizzazione che ha visto la sezione Bolognese-Romagnola, il gruppo alpini di Castel San Pietro Terme, l’Amministrazione comunale, la Protezione Civile ANA, la polizia municipale e i numerosi volontari operare all’unisono, coinvolgendo la città, dalle associazioni economico-turistiche alle scuole, alle associazioni locali. La città si è presentata imbandierata e con le vetrine dei negozi addobbate con tricolori, divise, oggetti vari e cappelli alpini. E poi, dalla settimana prima, mostre sugli alpini, esposizione di disegni dei ragazzi e uno spettacolo al teatro comunale sugli alpini, con storie raccontate da Angelo Nataloni e la partecipazione straordinaria di Davide Dalfiume.

    Sabato 19 è stato dedicato agli incontri istituzionali, con il saluto del sindaco Sara Brunori al nostro presidente Sebastiano Favero, ai consiglieri nazionali e ai presidenti sezionali del Raggruppamento; all’incontro è seguita la riunione dei presidenti sezionali. Nel pomeriggio è stato inaugurato il monumento “Agli Alpini”, realizzato dall’artista del ferro Eros Mariani, poi gli onori ai Caduti con la deposizione di una corona alla presenza del picchetto d’onore dell’Esercito e quindi la Messa, al Santuario SS. Crocifisso, accompagnata dalla corale polifonica Jacopo da Bologna. Al termine, dal campanile del Santuario hanno risuonato le note armoniose del “carillon delle 55 campane”, uno strumento unico in Europa, azionato dalla pianista Annarita Zazzaroni, che ha eseguito per l’occasione brani della tradizione alpina.

    La giornata si è conclusa con una serata speciale al teatro comunale Cassero, dove si sono esibiti il coro alpini di Vergato e l’attore Ivano Marescotti, che ha letto testi sugli alpini in tempo di guerra. Domenica la sfilata, uno spettacolo di bandiere, gonfaloni, vessilli e gagliardetti e infine il passaggio della stecca alla sezione di Monza, che ospiterà nel 2014 il prossimo raduno del Raggruppamento.

    CONCORSO FOTOGRAFICO SUL RADUNO – Il gruppo alpini castellano ed il Comune di Castel San Pietro Terme hanno indetto un concorso fotografico per raccogliere gli scatti più belli a ricordo del Raduno del 2º raggruppamento e della concomitante festa della sezione Bolognese-Romagnola. Per informazioni: www.cspietro.it