Cambio di comando al 7 Alpini Al col. Maggian subentra il col. Maggi

    0
    13

    Dallo scorso 11 agosto il 7º Reggimento Alpini, di stanza a Belluno e ora impegnato in Afghanistan, ha un nuovo comandante. Alla Salsa , infatti, nel corso di una suggestiva cerimonia il colonnello Edoardo Maggian ha passato le consegne al colonnello Antonio Maggi. Marchigiano, 45 anni il col. Maggi prima dell’attuale ha ricoperto l’incarico di ufficiale di collegamento della Nato e del Comando delle potenze alleate in Europa (Shape) a Bruxelles. Al suo attivo anche missioni in Albania, Bosnia, Macedonia e Kosovo.

    Durante la cerimonia, alla quale sono intervenute numerose autorità civili e militari (tra le quali il generale Mora, comandante la Brigata Julia), nonché diverse rappresentanze dell’Ana e delle associazioni combattentistiche e d’arma, il comandante cedente, ha ripercorso brevemente i suoi tre anni di comando. È stato un periodo intenso ha detto Maggian caratterizzato da attività importanti come la missione in Bosnia, l’operazione Domino la collaborazione per le Olimpiadi, il trasferimento di sede da Feltre a Belluno . Maggian ha pure voluto sottolineare l’ottima intesa avuta con il territorio bellunese: Il rapporto instaurato con le realtà provinciali, a tutti i livelli, è stato ottimo. Rapporto cordiale e di collaborazione come, un esempio su tutti, quello con l’Associazione nazionale alpini.

    Una soddisfazione è l’aver potuto vedere il Reggimento sistemato in una sede decorosa, quella attuale della Salsa, anche se l’aver lasciato la città di Feltre è stato doloroso . Prima della partenza per Kabul, il reggimento ha vissuto un’altra importante cerimonia: è quella con la quale, il 16 settembre, Longarone ha conferito al Settimo la cittadinanza onoraria, riconoscimento per l’opera portata dagli alpini appartenenti all’allora Brigata Cadore in occasione del disastro del Vajont.

    Ilario Tancon