Apertura di una nuova via al Mont Maudit

    0
    47

    Il 15 dicembre scorso il caporal maggiore volontario in ferma breve del Centro Addestramento Alpino Massimo Farina, reparto attività sportive, ha realizzato assieme alla guida alpina Ezio Marlier ed al fratello Marco, una prima escursione alpinistica invernale sul versante nord est del Monte Maudit (m. 4.468) nel gruppo del Monte Bianco.

    La via, denominata per l’occasione The brothers , si sviluppa su terreno misto per circa 12 lunghezze di corda, con difficoltà sempre continue ed elevate, specie nel tratto finale caratterizzato da una goulotte verticale di ghiaccio vivo. La discesa, poi, è avvenuta in corda doppia lungo la via di salita. Questa impresa si inserisce nella preparazione di una intensa stagione che vedrà il caporalmaggiore fra i protagonisti della spedizione militare al Fitz Roy sulla cordigliera delle Ande in Argentina, che il Centro alpino sta organizzando per la fine del 2005.

    Il caporal magg. Farina istruttore militare di alpinismo, guida alpina e maestro d’alpinismo è noto per aver partecipato nel 2003 alla spedizione delle guide alpine valdostane al monte Annapurna e nel 2004, assieme al maresciallo Alessandro Busca, ha fatto parte della spedizione K2 2004.
    Farina ha inoltre all’attivo numerose prime alpinistiche nei gruppi del Monte Bianco e del Monte Rosa, sul Cervino e Gran Paradiso, su roccia e terreno misto.

    Protagonista in Valle dell’Orco e sulle più difficili cascate di ghiaccio della Valle d’Aosta. Nel mese di novembre 2003 ha partecipato a due importanti gare di arrampicata sportiva su strutture artificiali a Chamonix ed a Les Houches, in Francia. Nella gara di Chamonix (CISM Campionato Internazionale Sportivo Militare livello 8a/8b) ha ottenuto il 4º posto mentre nella competizione di Les Houches (Gara Open Internazionale livello 8b) si è guadagnato il primo posto.

    Al momento di andare in macchina con il giornale apprendiamo la tragica notizia della morte del caporal maggiore Massimo Farina. Farina, 23enne grande promessa dell’alpinismo, è precipitato dalla parete di ghiaccio che stava scalando in val di Rhêmes. Il Centro addestramento alpino è in lutto, e con esso l’intera famiglia alpina.