Aperti alle emozioni

    0
    7

    Con te si può anche discutere, persino polemizzare, ma resta indiscutibile la tua capacità espressiva. L’editoriale “Perché ci vogliono bene” mi fa del bene, come gli articoli che seguono, aprendomi gli occhi sul valore delle emozioni umane, delle passioni, quando si accompagnano adeguatamente alle pur necessarie ragioni dell’intelletto. 

     

    Per stare in tema, “mi relaziono” con te per ringraziarti delle tue buone e sagge parole, che possono far breccia in qualche cuore indurito. Cordialmente.

    Francesco Lanzellotti, Moncalieri (Torino)

    Sono personalmente convinto che la cultura contemporanea, impregnata di razionalità tecnico-scientifica, ha finito per trascurare le emozioni, le quali se lasciate a briglia sciolta ci rendono poco lucidi e inconcludenti. Ma senza di esse, il mondo finirà in un grande sbadiglio. Mescolare bene gli ingredienti è l’unico modo per rendere il mondo migliore e più affascinante.