VAL SUSA – Novalesa: 90 anni di solidarietà alpina

    0
    84

    Era il 1923 quando Michele Roccia, reduce della Grande Guerra, fu nominato capogruppo di Novalesa, secondo gruppo iscritto della sezione Val Susa. Negli anni gli alpini del Gruppo si sono distinti per lodevoli iniziative a favore del Comune, degli enti locali e della chiesa; nel dopoguerra per la ricostruzione, poi per l’aiuto ai terremotati del Friuli e in seguito per la realizzazione di un Sacrario e la ristrutturazione della sala del vecchio municipio.

     

    Oggi a 90 anni dalla costituzione le penne nere di Novalesa hanno festeggiato il compleanno inaugurando un monumento all’Alpino realizzato con marmo locale, fortemente voluto dal capogruppo Gillio Giai, sul quale è stata incisa la scritta “Per non dimenticare”.

    La festa è iniziata con l’alzabandiera, la celebrazione della Messa da parte del parroco don Popolla e la benedizione del monumento con la deposizione di una corona. Sono seguiti gli interventi del capogruppo Giai, del presidente sezionale Sosello, del revisore dei conti Botteselle e del sindaco Rivetti. La sfilata per le vie del paese con in testa la fanfara Val Susa seguita da numerosi alpini, tra due ali di folla plaudente, ha concluso la giornata di festeggiamenti. L’eco della grande festa non si è fermata in valle: il presidente nazionale Favero ha inviato un messaggio di auguri al Gruppo per l’importante traguardo raggiunto.