SALUZZO – Piccolo Gruppo, grande festa

    0
    7

    Durante l’annuale festa gli alpini del Gruppo di Occa hanno inaugurato la nuova sede e ricordato i Caduti e Dispersi della ritirata di Russia. La Messa è stata celebrata da don Mauro Capello, cappellano della brigata Taurinense, coadiuvato dal parroco don Calandri e da tre giovani chierichetti.

     

    Dopo la lettura della “Preghiera dell’Alpino”, i bambini della scuola primaria di Envie hanno intonato lo struggente canto “Le voci di Nikolajewka”, accompagnato dalla lettura di una poesia composta dalla classe 5ª e intitolata “Neve”. Nell’ultimo verso recita: «Così invece ti hanno conosciuta tanti poveri soldati nella lontana Russia, ma questa è la guerra che io non conosco e ci rimane solo un doloroso racconto ed una bianca preghiera». Alpini e autorità si sono raccolti per un omaggio davanti alla lapide che ricorda i Caduti; quindi le orazioni ufficiali e lo scambio dei riconoscimenti tra il Gruppo alpini e le autorità.

    Hanno partecipato alla manifestazione una dozzina di gagliardetti, il vessillo della Sezione di Saluzzo con il Presidente Renato Chiavassa e il vice Enzo Desco, l’Associazione Combattenti e Reduci di Envie, l’Associazione Carabinieri, i sindaci di Envie e Revello. Si è quindi arrivati al momento tanto atteso, il taglio del nastro e la benedizione della nuova sede: l’onore è toccato a don Mauro Capello. Il locale è abbellito da un dipinto realizzato da Marino Palmero che raffigura i principali simboli degli alpini e riporta un motto in dialetto. Come ha ben riassunto il Capogruppo Civallero, in quel locale «ora si potranno custodire i ricordi di più di 50 anni di storia», quella di un piccolo Gruppo che oggi conta 27 soci e 4 aggregati.