L’eroe spezzino

    0
    5

    Il raduno dedicato ad Alberto Picco a La Spezia, si è aperto sabato sera con il concerto dei cori Ana Soreghina di Genova e Monte Sillara di Bagnone presso il Palco della Musica situato all’interno dei giardini storici, che ha richiamato una folta cornice di pubblico, piacevolmente colpita dal repertorio eseguito dalle due corali. 

     

    Domenica 21 giugno è stata una giornata davvero speciale per la città della Spezia. Infatti, a partire dalle ore 10 gli alpini convenuti da tutta Italia si sono ritrovati dinnanzi allo stadio intitolato ad Alberto Picco per aprire le cerimonie ufficiali in memoria dell’eroe spezzino, del quale lo scorso 16 giugno sono ricorsi i cento anni dalla morte. Dopo l’alzabandiera ha portato il suo saluto il sindaco Massimo Federici, mentre il Presidente nazionale Sebastiano Favero ha ricordato la figura dell’eroe del Monte Nero.

    Quindi la Messa, animata dal coro Monte Grosso di Santo Stefano di Magra al termine della quale gli alpini si sono ammassati all’esterno dello stadio dando inizio alla sfilata per le vie cittadine fino a raggiungere il monumento dedicato ad Alberto Picco, posto all’interno dei giardini storici della città. Gli alpini hanno marciato sulle note della fanfara in armi della brigata alpina Taurinense e da quella della banda musicale di Roppolo (Biella).

    Il servizio d’ordine è stato curato dalle squadre di Protezione Civile della Sezione spezzina dell’Ana, coordinate dall’alpino Mirko Ferretti. Al raduno, accanto al Presidente nazionale Sebastiano Favero, il vice Presidente Fabrizio Pighin e i Consiglieri nazionali Marco Barmasse e Massimo Curasì. Gli alpini si sono poi trasferiti sul lungomare Morin per pranzare tutti insieme in attesa dell’esibizione pomeridiana della fanfara della Taurinense che ha così concluso il raduno in memoria di Alberto Picco.

    L’evento è stato organizzato dal comitato Centanni di Picco, presieduto dall’alpino Orazio Bellè, in collaborazione con la Sezione spezzina dell’Ana, del suo presidente Alfredo Ponticelli e degli alpini di Spezia Centro con il Capogruppo Giancarlo Morachioli.