Grazie di cuore

    0
    43

    Sono un alpino di 68 anni e da 44 anni sono associato all’Ana. Con queste mie poche righe sono da lei per esprimere e per dirle che ogni volta che ricevo il mensile della nostra rivista L’Alpino è sempre una ventata di gioia, dove passo passo ho visto crescere la nostra rivista sia nella grafica, ma soprattutto nei contenuti e negli argomenti interessanti e godibili. 

     

    Ma vorrei profondamente sottolineare il contenuto dei suoi editoriali, che condivido pienamente e mi ritrovo, sia nei valori sia nel richiamo ad essere noi stessi, nella nostra piena umanità, non delle banderuole che si spiegano ad ogni spiro di vento. Prima di sfogliare la rivista rileggo più volte i suoi editoriali e noto la profondità degli argomenti associati alla sua profonda cultura e per noi è una fortuna sapere di avere accanto chi con coraggio ci indica la strada. I suoi messaggi hanno parole semplici che non possono essere travisate ma recepite all’istante. Ammiro il suo modo diretto nell’affrontare la realtà senza giri di parole. È doveroso ringraziare lei con la direzione e la redazione per l’ottimo lavoro e l’impegno che sapete svolgere nello stimolare le nostre coscienze e nello scuoterci dal torpore della mediocrità ed essere così persone nella pienezza della nostra umanità. Perché i nostri giovani guardandoci non disperino, ma con speranza e coraggio prendano in mano la loro vita perché è in loro che riponiamo la nostra fiducia. Con riconoscenza, un grazie di cuore, continuate sempre così. Ad excelsa tendo.

    Mario Rizzini Gruppo di Gardone Val Trompia, Sezione di Brescia

    Che dirti, caro Mario? Di solito non pubblico gli apprezzamenti, ma quando vengono dal cuore qualche volta ci fa piacere condividerli