DOMODOSSOLA – Ai Caduti della Valle Anzasca

    0
    37

    Nei primi mesi del 1919 si costituì un comitato promotore per la costruzione di un monumento ai Caduti di tutta la Valle Anzasca. Fu identificato come luogo più idoneo il poggio di Castigiasco, a 500 metri di quota, poco distante da Cimamulera. Il progetto, affidato all’ing. Andrea Fauser di Milano, da realizzare in sarizzo, la pietra locale estratta dalla montagna, non avrà compimento per difficoltà di vario genere. Nel 2007 gli alpini di Cimamulera decidono di recuperare l’antico progetto: lavorano alacremente per dissotterrare le pietre già tagliate all’epoca e le trasportano sul luogo dove sorgerà il monumento, realizzato su progetto dell’ing. Paolo Bortot.

     

    Nel luglio 2013 la ditta Carminati e gli alpini di Cimamulera iniziano i lavori che terminano nell’aprile dello scorso anno. Alla tanto attesa inaugurazione c’erano numerose penne nere con l’allora sindaco di Piedimulera Gian Mauro Bertoia, il Presidente della Sezione di Domodossola Giovanni Grossi, il gen. Antonelli (“andato avanti” lo scorso mese di marzo), i rappresentanti delle Associazioni combattentistiche e d’Arma e il parroco don Simone Rolandi che ha benedetto l’opera. Il monumento, a forma di obelisco, è visibile in lontananza sin dalla piana della bassa Ossola. Un baluardo che ricorda quanti hanno dato la vita per il nostro Paese.

    Alessandro Lana