Aggiornamenti formali

    0
    26

    Alcune domande di aggiornamento visto che sono rimasto fermo alle istruzioni ricevute alla SMALP. Quando si indossa la divisa il copricapo ne è parte integrante; ora chiedo: è oggi possibile circolare in uniforme senza copricapo alcuno?Ancora: un militare che decede in Iraq, sia pure per incidente stradale, non merita qualche cosa di più di una dozzina di righe sui giornali e quindici secondi in TV?Lancio la terza richiesta pur sapendo di attirarmi strali e maledizioni: il Tricolore sulla bara riguarda solo i Caduti e le più alte personalità dello Stato oppure anche coloro che decedono sia pure per fatti orribili ma non in servizio?

    Achille Gregori Erba

    Il copricapo, a quanto mi risulta, fa ancora parte dell’uniforme. Solo che poco a poco è diventato una scelta per cui sono moltissimi quelli che tendono a disfarsene, anche tra le Forze dell’ordine; è un (riprovevole) segno dei tempi. Un militare che decede in servizio per la Patria evidentemente visto lo scarso spazio dedicato dai giornali non fa notizia; la fa molto di più se, già in congedo da anni, commette un delitto; altro segno dei tempi. Infine il Tricolore: il suo impiego nei funerali è regolato da precise disposizioni che fanno un distinguo tra chi è morto in servizio e per causa di servizio e chi è deceduto fuori servizio. Sono norme che non ammettono, giustamente, deroghe.