2 raduno di reparti della brigata Orobica

    0
    538

    A Sinigo rimpatriata del 5 da montagna e del logistico.

    Proseguendo nell’ambizioso progetto di riportare in citt tutti coloro che hanno militato nei reparti della disciolta brigata alpina Orobica, dopo il comando brigata ed i reparti minori, il gruppo A.N.A. di Sinigo ha radunato quest’anno i reduci del 5 reggimento artiglieria da montagna con i suoi gruppi Bergamo, Sondrio e Vestone e del battaglione logistico Orobica. Il 7 e 8 settembre sono affluiti a Merano circa 500 ex ufficiali, sottoufiiciali, artiglieri ed autieri provenienti
    dalle province di Torino, Milano, Savona, Firenze, Pistoia, Bergamo, Brescia, Verona, Padova, Trento e Bolzano, gi in forza ai due reparti che per tanti anni sono stati parte integrante della comunit meranese.
    E’ stata un’occasione, per tanti di loro, di incontrare vecchi commilitoni, rinsaldare amicizie, ricordare i tempi ormai lontani della loro naja e rivedere luoghi che li hanno visti protagonisti di una stagione importante della loro vita.
    Un fittissimo programma di manifestazioni ha impegnato gli ospiti gi da sabato pomeriggio. In una gremitissima sala civica, c’erano il vice sindaco di Merano Diego Cavagna, alpino e socio del gruppo di Sinigo, l’assessore alla Cultura Daniela Rossi, il brig.gen. Antonio Todaro, gi comandante del gruppo Sondrio, il brig. gen. Vittorio Leschi, gi comandante della 51 batteria del gruppo Sondrio. Si iniziato col canto dell’inno degli Alpini, cui seguita la storia dei reparti oggetto del raduno ben illustrata dal ten. Todaro; a seguire la proiezione di un filmato storico sulle Truppe alpine e l’esibizione del coro Concordia, che ha entusiasmato tutti. Graditissima la presenza di quattro alpine del 2 reggimento trasmissioni di stanza a Bolzano.
    Domenica la parte ufficiale proseguita con la visita alla caserma Cesare Battisti, sede storica del 5 Artiglieria e del gruppo Vestone dove, alla presenza del comandante delle Truppe alpine ten gen. Roberto Scaranari, del presidente della sezione ANA di Bolzano Ferdinando Scafariello e, graditissimo ospite, il magg. gen. Pierluigi Cavallari, gi comandante del 5 reggimento artiglieria da montagna dal 1972 al 1974, stata deposta una corona al monumento a Cesare Battisti alle note del silenzio che hanno sottolineato il minuto di raccoglimento in memoria dei Caduti. Quindi il trasferimento al campo sportivo di Sinigo, dove in un padiglione era stata allestita una bellissima mostra fotografica, visitata con molto interesse dagli ospiti che, in tanti casi, si sono riconosciuti.
    Alzabandiera (la bandiera arrivata dal cielo tramite un team di parapendio) con l’inno di Mameli cantato da tutti e quindi S. Messa al campo, accompagnata, ancora una volta, dalle struggenti note del coro Concordia, cui seguita la premiazione di due soci A.N.A. distintisi in campo sociale.
    La parte ufficiale della manifestazione ha poi lasciato il posto all’apprezzato rancio alpino ed il commosso arrivederci al prossimo anno, quando il ciclo dei raduni si concluder con il 5 reggimento alpini ed i suoi battaglioni Edolo, Morbegno e Tirano, dopodich il capogruppo dell’ A.N.A. di Sinigo con il suo team potranno godere della meritata soddisfazione di aver portato a termine una encomiabile iniziativa.

     

    Carlo Moderini