Articolo Alpino

Roma Il monumento nazionale ai Caduti di Russia


  Argomento: Ana

Articolo di tipo Articolo   pubblicato nel numero di Aprile 2011 dell'Alpino


Inaugurato a Roma il monumento nazionale ai Caduti sul fronte russo, nel giardino loro dedicato con questo nome. È stata una celebrazione solenne, per iniziativa del Comitato per Nikolajewka , alla presenza del sindaco della città Alemanno, di alti gradi delle varie armi, la fanfara dei bersaglieri, associazioni d'Arma, ANA compresa con una folta rappresentanza di alpini, una Compagnia storica di lancieri di Montebello e un picchetto di bersaglieri con fanfara.

Un corteo di centinaia di appartenenti alle varie associazioni e semplici cittadini, aperto dai carabinieri a cavallo, ha raggiunto il giardino dove era stato posto il monumento, formato da un basamento sormontato da una colonna romana e sul quale sono affisse venti formelle con i nomi delle regioni, a simboleggiare il sacrificio d'una Nazione intera in quella sciagurata Campagna voluta dal regime. Una Messa, accompagnata dai canti del coro ANA Malga Roma, è stata celebrata da monsignor Giacomino Feminò, che all'omelia ha ricordato, fra i Caduti in guerra anche i Caduti per la pace , come i nostri alpini in Afghanistan.

Pubblicato sul numero di aprile 2011 de L'Alpino.

Matteo Martin   24/03/2011

Commenti 0

 

2002/2017 © Ana.it. Tutti i diritti riservati. Questo sito è di proprietà della Associazione Nazionale Alpini
P.IVA/C.F. 02193630155
L'uso degli indirizzi mail riportati su questo sito è esclusivamente finalizzato ad usi associativi. E' vietata la riproduzione anche parziale - Marchio registrato
FAQ - Privacy - Credits