14.3 C
Milano
giovedì, 13 Giugno 2024
Home Toscana Massa Carrara-Alpi Apuane

Massa Carrara-Alpi Apuane

MASSA CARRARA – ALPI APUANE – Il cappello di Andrea Draghi

«Il cappello con la penna di Andrea Draghi, lunigianese, classe 1897, alpino del 7º reggimento, btg. Belluno, cavaliere di Vittorio Veneto e valoroso combattente...

MASSA CARRARA-ALPI APUANE – Nuova cucina da campo

È stata inaugurata, in concomitanza di una esercitazione di Protezione Civile indetta dal Comune di Carrara, la cucina mobile da campo della Sezione Massa...

MASSA CARRARA “ALPI APUANE” – Per la Julia

Il monumento in marmo statuario di Carrara donato dagli alpini della Sezione Massa Carrara “Alpi Apuane” è stato inaugurato a Udine, nella caserma Di...

MASSA CARRARA ALPI APUANE – Per il maresciallo Taibi

La Sezione Massa Carrara - Alpi Apuane, in memoria del maresciallo Antonio Taibi, Medaglia d’Oro al Merito Civile, ha fatto dono di cinque armadi alla scuola dell’infanzia di Fossone (frazione del Comune di Carrara) intitolata proprio a Taibi, ucciso proditoriamente la mattina del 27 gennaio 2016. 

MASSA CARRARA – L’oratorio restaurato

È stata molto partecipata la cerimonia di inaugurazione del seicentesco oratorio dell’Annunciazione di Castiglioncello (Casola in Lunigiana, Massa Carrara), restaurato dagli alpini perché danneggiato dal terremoto. Dopo l’alzabandiera, il via alla sfilata delle penne nere delle Apuane, della Lunigiana e della Garfagnana, con i presidenti Gianni Romanelli e Domenico Bertolini.

Cerreto Laghi: 12° anniversario delle Brigate e Divisioni alpine

Il 6 e 7 agosto appuntamento a Cerreto Laghi per il 12° anniversario del percorso monumentale dedicato alle Brigate e Divisioni alpine.

Inaugurazione dell’Oratorio dell’Annunciazione di Castiglioncello, restaurato dagli alpini

Sabato 25 giugno a Casola in Lunigiana (Massa Carrara) sarà inaugurato il seicentesco Oratorio dell'Annunciazione di Castiglioncello, restaurato dagli alpini dopo i danni provocati dal sisma del giugno 2013.

MASSA CARRARA ALPI APUANE-REGGIO EMILIA – Raduno a Cerreto

Oltre mille alpini hanno pacificamente invaso Cerreto Laghi in occasione del grande raduno organizzato dalle Sezioni di Massa Carrara, Reggio Emilia e dai Gruppi di Fivizzano e Collagna, in concomitanza con l’11º anniversario del percorso monumentale delle Divisioni alpine. Quest’ultimo ha una storia intrigante: uno dei massi di arenaria che lo formano è affiorato al passo del Cerreto durante alcuni lavori di scavo, con le insegne delle sei Divisioni che hanno combattuto su diversi fronti durante l’ultima guerra: Taurinense, Tridentina, Julia, Cuneense, Pusteria e Alpi Graie.

MASSA CARRARA – Un gesto di solidarietà

Massa Carrara ha reso omaggio ad Alessandro Rolla, presidente onorario della Sezione, andato avanti all’età di 83 anni. Così lo ha ricordato Gianni Romanelli, attuale presidente sezionale: «Caporale di artiglieria da montagna, aveva prestato servizio nella brigata Orobica a Merano. Presidente molto attivo della Sezione per 18 lunghi anni, molto amato dai suoi Alpini, conosciuto e stimato nella sua città e nell’ANA, Rolla aveva coordinato le numerose attività della Sezione sia sul fronte della Protezione Civile sia nel campo della solidarietà e dell’impegno nel sociale».

MASSA CARRARA – Una Sezione operosa

Devo, senza alcun dubbio, evidenziare l’operosità dei volontari della Protezione Civile della sezione ANA Massa Carrara, in particolare del loro trascinatore Carlo Sforzi, coordinatore sezionale. Merito naturalmente ascrivibile anche al presidente sezionale Alessandro Rolla che condivide e supporta le scelte operate dai suoi più stretti collaboratori. Veniamo ai fatti. Il Comune di Carrara in località Avenza, nell’ambito di un consolidamento e sviluppo delle attività di P.C., ha recuperato dall’abbandono un ampio padiglione.

ULTIMI ARTICOLI

Andrea Cainero

Nato il 26 luglio 1973 a Udine, è dottore commercialista iscritto nel “Registro dei revisori contabili”. Ha prestato servizio nel 1998-’99, prevalentemente al Comando...

Giuseppe Vezzari

Remo Facchinetti

Mario Baggio

Giovanni Badano