Articolo Alpino

I giovani ai “veci”: noi con voi


  Argomento: Giovani

Articolo di tipo Articolo   pubblicato nel numero di Dicembre 2011 dell'Alpino


Nei giorni 29 e 30 ottobre ha avuto luogo presso il soggiorno alpino ANA di Costalovara (Bolzano) il 1° Convegno dei componenti dei gruppi e delle “Commissioni giovani” dei 4 raggruppamenti, organizzato dalla Commissione Nazionale Giovani e dai “Coordinamenti Giovani” dei 4 raggruppamenti. Nella cornice dell’altopiano del Renon, splendente di colori autunnali, i convegnisti, giunti da tutta Italia in folta rappresentanza di tutti i raggruppamenti e con delegazioni di ben 33 Sezioni, hanno potuto apprezzare la funzionalità della struttura dell’ANA radicalmente ristrutturata per rispondere anche alle più moderne esigenze di formazione e ritrovo dell’Associazione, grazie anche all’accoglienza di grande qualità garantita dallo staff composto dalle bravissime Signore Rita, Dina, Giulia e Loredana e guidato da Ferdinando Scafariello, presidente della sezione di Bolzano.

I giovani dell’ANA hanno affrontato con rinnovato entusiasmo il fitto programma dei lavori, che contemplava sia l’intervento di numerosi relatori col compito di fornire un quadro di aggiornamento sulle attività in corso, sia spazi di discussione e confronto tra i responsabili ad ogni livello dei Gruppi e delle Commissioni Giovani di tutta Italia. Grande interesse hanno così suscitato le relazioni svolte dal col. Maurizio Plasso sulla situazione attuale delle Truppe alpine; dal vice presidente Luigi Bertino sui più attuali progetti del Centro Studi; dal consigliere nazionale Luigi Cailotto sulla nostra Protezione civile, dal consigliere nazionale Mariano Spreafico sulle prossime iniziative in ambito sportivo, dal vice presidente vicario Sebastiano Favero sul programma “Una casa per Luca” ed infine da Ferdinando Scafariello, nonché dal Sindaco di Bolzano Luigi Spagnolli, sull’Adunata 2012 a Bolzano. Erano presenti anche i consiglieri nazionali Cesare Lavizzari e Angelo Pandolfo e il revisore dei conti Ildo Baiesi.

Dati preziosi sono emersi dal vivace dibattito sul ruolo dei giovani associati nella evoluzione costante dell’ANA, che ha condotto a risultati e proposte di lavoro di notevole validità ed importanza, sintetizzabile nella richiesta di conoscere le aspettative che l’Associazione rivolge alla sua componente più giovane e nell’atteggiamento coralmente condiviso di voler entrare con umiltà nei Gruppi e nelle Sezioni, con voglia di imparare e condividere idee ed iniziative, conquistando la fiducia dei “veci”. Alberto Giudici, coordinatore del 2° raggruppamento, ha osservato che questo Convegno: “Rappresenta un segnale importante, da tempo atteso, per sottolineare l’importanza che ricoprono i giovani per il futuro dell’ANA”; per Mauro Buttigliero, coordinatore del 1° rgpt., è importante assicurare la continuità dell’attività associativa anche col lavoro dei giovani: “che debbono e vogliono fare squadra all’interno delle Sezioni, ma soprattutto dentro la collettività”, ed evidenzia che talvolta alcuni direttivi sezionali sono purtroppo refrattari a favorire l’ingresso dei più giovani al loro interno, mentre altre sezioni e i lori presidenti hanno fatto del coinvolgimento dei giovani un valore aggiunto che ha portato benefici alle sezioni, all’ANA e alle collettività.

Giovanni D’Alessandro, della sezione Abruzzi, ha riferito della particolare rilevanza della presenza di giovani alpini nei nuclei di Protezione civile ed ha proposto una riorganizzazione dei giovani del 4° rgpt. più adatta all’estensione ed alle potenzialità di quel territorio. Alain Bedori, coordinatore del 3°, illustrando la ricca attività svolta nelle regioni del nord-est, ha sostenuto l’importanza di migliorare i collegamenti e gli scambi di esperienza tra tutti i coordinamenti giovani, proponendo l’adozione di una comune procedura di lavoro. Il presidente nazionale Corrado Perona, appositamente giunto a Costalovara per incontrare i partecipanti al Convegno, ha voluto pronunciare parole di particolare significato, destinate non solo ai presenti, ma a tutta l’ANA: “I giovani sono un bene dell’Associazione, e devono avere più spazio.

Non si va avanti solo col cuore, ma anche con la mente e questo ci permette di stare al passo coi tempi, perché l’ANA non appartiene solo a noi, ma anche alla società! Occorre investire nei giovani, in risorse e responsabilità, sfruttando la creatività e la voglia di fare di giovani che hanno la nostra stessa mentalità, poiché la strada del futuro passa per loro!”.

Le somme sono state tirate dal consigliere nazionale e presidente della Commissione nazionale Giovani Roberto Bertuol, che ha impegnato l’assemblea a riconvocarsi con periodicità ed a promuovere una massiccia presenza dei giovani di tutti i raggruppamenti all’Adunata di Bolzano e, possibilmente, alla manifestazione solenne che si terrà nel territorio del 4° rgpt. a Isola del Gran Sasso, per la commemorazione di Selenyj Jar, nel febbraio 2012; con l’occasione ed a conferma dell’assunzione d’un rinnovato impegno, l’ormai famoso striscione “Noi dopo di voi” sarà affiancato da uno nuovo, unanimemente approvato, con lo slogan riattualizzato con felice sintesi: “Noi con voi”.

Guarda le foto »

  24/11/2011

Commenti 0

 

2002/2017 © Ana.it. Tutti i diritti riservati. Questo sito è di proprietà della Associazione Nazionale Alpini
P.IVA/C.F. 02193630155
L'uso degli indirizzi mail riportati su questo sito è esclusivamente finalizzato ad usi associativi. E' vietata la riproduzione anche parziale - Marchio registrato
FAQ - Privacy - Credits