Ana
Ricerca contenuti più recenti della categoria Ana:

  • News (20)

    L'Alpino settimanale televisivo (Puntata 37 - 17-09-18)

    SOMMARIO
    - L'Ana fa centro con il tiro a segno
    - La Lampada della pace sulla strada del Monte Pasubio
    - Il Bosco delle Penne Mozze diverrà cerimonia nazionale

    »»

    L'Alpino settimanale televisivo (Puntata 36 - 10-09-18)

    SOMMARIO
    - La Lampada della pace sulla strada del Monte Pasubio
    - Il Bosco delle Penne Mozze diverrà cerimonia nazionale
    - Gli alpini meritano la laurea

    »»

    Il 1º Raggruppamento a Vercelli

    Il raduno del 1° Raggruppamento (Sezioni del Piemonte, Liguria e Francia) si terrà il 12, 13 e 14 ottobre 2018 a Vercelli, con un’anticipazione il 6 ottobre. Maggiori info su www.anavercelli.it

    L'opuscolo con tutte le informazioni »

    »»

    L'Alpino settimanale televisivo (Puntata 35 - 03-09-18)

    SOMMARIO
    - Gli alpini meritano la laurea
    - A Luca Pantanali il Premio fedeltà alla montagna
    - "Diamo ai giovani le giuste opportunità"

    »»

    Celebrazione del centenario della fine della Grande Guerra il 3 novembre

    Il Presidente nazionale Sebastiano Favero ha inviato una lettera ai Presidenti sezionali per informarli sulla cerimonia del prossimo 3 novembre alle ore 19, presso i monumenti ai Caduti siti nelle municipalità di tutti i Gruppi Ana, in occasione delle celebrazioni per il centenario della fine della Grande Guerra.

    Leggi la lettera »

    »»

    L'Alpino settimanale televisivo (Puntata 34 - 27-08-18)

    SOMMARIO
    - A Luca Pantanali il Premio fedeltà alla montagna
    - "Diamo ai giovani le giuste opportunità"
    - Il ripristino della leva obbligatoria: la posizione dell'Ana

    »»

    L'Alpino settimanale televisivo (Puntata 33 - 20-08-18)

    SOMMARIO
    - Il ripristino della leva obbligatoria: la posizione dell'Ana
    - Messaggio di pace dal Passo Vezzena
    - Lettere dal fronte

    »»

    Utilizzo dei marchi e simboli ANA

    A seguito delle recenti vicende relative all’utilizzo di nostri marchi e simboli da parte di persone esterne all’Associazione Nazionale Alpini e che a volte rivestono ruoli istituzionali, politici o comunque pubblici, l’ANA ribadisce e riafferma quanto è indicato all’art. 2 del nostro Statuto, ossia che l’Associazione è apartitica.
    Si afferma pertanto che ogni eventuale accostamento dei nostri simboli a situazioni politiche, personaggi politici o altro non è assolutamente promosso né voluto dall’ANA.
    »»

    Il 2 settembre pellegrinaggio al Monte Tomba

    Il pellegrinaggio alpino al massiccio del Grappa sul Monte Tomba si terrà il prossimo 2 settembre in mattinata, a partire dalle ore 9,30. La cerimonia è organizzata dalla Sezione di Bassano del Grappa in collaborazione con il Gruppo di Cavaso del Tomba. Parteciperanno il coro Valcavasia e la banda musicale di Pederobba.

    »»

    Pellegrinaggio al Pasubio in ricordo dei Caduti

    Il pellegrinaggio sul Pasubio in ricordo dei Caduti si terrà sabato 1 e domenica 2 settembre, organizzato dalla Sezione Ana di Vicenza e dalla Federazione di Vicenza dell’Associazione Nazionale del Fante.

    »»

    L'Alpino settimanale televisivo (Puntata 32 - 13-08-18)

    SOMMARIO
    - Messaggio di pace dal Passo Vezzena
    - Orgoglio alpino con l'Ana di Feltre
    - Lettere dal fronte

    »»

    COMUNICATO STAMPA - Dibattito sul ripristino della leva Obbligatoria

    Milano 13 Agosto 2018

    L’Associazione Nazionale Alpini esprimendo il pensiero di circa 400.000 soci, si inserisce nel dibattito politico in corso sul tema del ripristino della leva obbligatoria, ed esprime le seguenti considerazioni e motivazioni.
    Oggi, a 13 anni dalla sua sospensione, si avverte la necessità di colmare un vuoto educativo che sta toccando in maniera trasversale tutti gli ambiti della società, dalla scuola alla famiglia, dalla Chiesa alla politica.
    L’Associazione Nazionale Alpini, come altre Associazioni d’Arma, chiedono alla politica di interessarsi di un problema culturale ed educativo. Si tratta di tornare a seminare nelle nuove generazioni il senso della responsabilità verso quello che è il bene comune»,
    Di fatto noi chiediamo il ripristino di un periodo di servizio obbligatorio dei giovani a favore della Patria nelle modalità che la politica vorrà individuare. 

    Scarica il comunicato in pdf>>

    (...)

    »»

    L'Alpino settimanale televisivo (Puntata 31 - 06-08-18)

    SOMMARIO
    - Orgoglio alpino con l'Ana di Feltre
    - Dall'Adamello l'appello alla pace
    - In cammino sui sentieri della Grande Guerra

    »»

    L'Alpino settimanale televisivo (Puntata 30 - 30-7-2018)

    SOMMARIO
    - Dall'Adamello un appello alla pace
    - In cammino sui sentieri della Grande Guerra
    - Tra le pagine de L'Alpino

    »»

    L'Alpino settimanale televisivo (Puntata 29 - 23-07-2018)



    SOMMARIO
    - Tra le pagine de L'Alpino
    - Le università italiane scoprono la storia degli alpini
    - Onore alla Cuneense al Colle di Nava

    »»

    Pubblicità su L'Alpino

    Per la pubblicità commerciale sul giornale L'Alpino è possibile contattare Servizi Ana, via Marsala, 9 - 20121 Milano, tel. 02 62 410 219, fax 02 65 55 139, pubblicita@ana.it

    »»

    L'Alpino settimanale televisivo (Puntata 28 - 16-07-2018)

    SOMMARIO
    - Onore alla Cuneense al Colle di Nava
    - Sull'Ortigara per non dimenticare
    - Il ricordo di Cesare Battisti

    »»

    L'Alpino settimanale televisivo (Puntata 27 - 9-07-2018)

    SOMMARIO
    - Sull'Ortigara per non dimenticare
    - Il ricordo di Cesare Battisti
    - Le Truppe Alpine in azione sulle 5 Torri

    »»

    Il 38° Premio fedeltà alla montagna a Clap

    Il 38° Premio fedeltà alla montagna, una delle manifestazioni più importanti dell’Ana dopo l’Adunata nazionale, si terrà il 25 e 26 agosto prossimi a Clap, nel Comune di Faedis (Udine), per premiare l’alpino paracadutista del “Monte Cervino” Luca Pantanali, iscritto al gruppo Ana di Canebola.

    »»
  • Pagine (20)

    Prodotti ufficiali ANA

    Tutti i prodotti ufficiali dell'Associazione possono essere richiesti dai soci alla Sezione ANA di appartenenza*.

    »»

    IFMS

    IFMS è l'acronimo di “International Federation of Mountain Soldiers” (Federazione Internazionale dei Soldati della Montagna - ifms.si), una federazione tra associazioni nazionali di soldati, in armi, congedati, di riserva o a riposo, con specifico addestramento montanaro. 

    Alla Federazione può aderire una sola associazione per nazione. Ne fanno parte Austria, Bulgaria, Francia, Germania, Italia, Montenegro, Polonia, Slovenia, Spagna, Stati Uniti d'America e Svizzera. L'ANA rappresenta l'Italia: automaticamente quindi, ne fanno parte, perciò, tutti gli associati all'ANA.

    Il segretario generale ricopre questa carica per un triennio, ed è designato a rotazione. Segretario generale dall'ottobre del 2015 è il gen. (alpino) Renato Genovese.

    »»

    Convenzioni ANA

    Per favorire i propri soci l’Associazione Nazionale Alpini ha stipulato le seguenti convenzioni commerciali con enti ed aziende. Per usufruirne i soci devono essere in regola con l’iscrizione all’ANA e, laddove richiesto, presentare la tessera.


    »»
  • Articoli Alpino (20)

    L'editoriale di giugno

    Mi complimento con chi ha scritto l’editoriale “Opinioni non anonime”. Davvero stupendo. È da farne un manifesto da mettere in tutte le nostre sedi e da diffondere anche sulla stampa locale e nazionale.

    »»

    L'ideale e la realtà

    Ho apprezzato quasi per intero l’editoriale del numero di giugno. Mi sono molto piaciute le parole dell’anonimo autore, che mi hanno ricordato un celebre verso di Ungaretti: “Di che reggimento siete fratelli?”. Ciò che non posso condividere, da cittadino prima ancora che da alpino, è una frase contenuta nel “cappello” introduttivo: “Posto che aborrisco ogni forma di violenza, sia fisica che psicologica, e ritenendo le armi una di queste forme...”.

    »»

    Al Colle di Nava

    Sono stati i ragazzi del coordinamento Giovani alpini del 1º Raggruppamento a dare il via al 69º raduno nazionale al sacrario della Cuneense con una marcia di avvicinamento che ha toccato i tre luoghi simbolo della Divisione “martire”: il santuario della Madonna degli alpini di San Maurizio di Cervasca, il memoriale della Cuneense a Cuneo Gesso e il Colle di Nava.

    »»

    Simbolo sacro e universale

    Mai come quest’anno, nel mentre il Trentino riecheggia ancora degli echi festosi dell’Adunata 2018, gli eventi legati al 55º pellegrinaggio in Adamello hanno avuto un significato che è andato ben oltre ogni più rosea aspettativa. Iniziamo dalla dedica. Come ogni anno la Sezione organizzatrice (nel 2018 appunto era Trento, in alternanza con la Sezione Vallecamonica) ha inteso dedicare l’evento ad un tema legato alla storia del grande ghiacciaio.

    »»

    Gioia alpina

    Il 20, 21 e 22 luglio le 12 Sezioni Ana del Centro-Sud Italia, Sardegna e Sicilia si sono ritrovate nella cittadina di Leonessa, ai piedi del Monte Terminillo - la cui vetta più elevata supera i 2.200 metri d’altitudine - in Provincia di Rieti, nel Lazio. Il raduno è stato curato dalla Sezione di Roma, in particolare dal locale gruppo alpini.

    »»

    L’ultimo saluto

    Il Tempio-Sacrario di Cargnacco (Udine) ha aperto ancora le sue porte per accogliere i resti mortali di altri cento nostri soldati, caduti sul fronte russo durante la Seconda guerra mondiale. A sei di questi Caduti è stato possibile dare un nome e sono stati riconsegnati alle famiglie, mentre gli altri novantaquattro si sono uniti agli oltre 8.600 ignoti custoditi nella cripta del Tempio, da quando, nel 1991 iniziarono le prime traslazioni dalla Russia. Alle migliaia di ignoti rimpatriati, vanno però aggiunti gli oltre tremilacinquecento identificati, dei quali oltre cinquecento sono inumati a Cargnacco.

    »»

    Senza confini

    Sarebbe interessante, ogni tanto, farci delle domande non scontate, per andare oltre le risposte scontate, cui ci porta inevitabilmente l’abitudine alle situazioni e alle persone. Per esempio: perché ci sono i cori alpini? Qual è il loro scopo? Una domanda da buttare lì a Bepi De Marzi, al quale va il nostro abbraccio più grande per il titolo di Commendatore al merito della Repubblica, conferitogli dal presidente Mattarella.

    »»

    Dedicato alla Tridentina

    Il Comitato Tridentina 1942-2018, formato dalle Sezioni di Torino, Asti e Val Susa, ha voluto ricordare la partenza per la Russia, avvenuta nel luglio 1942 dalle stazioni di Torino, Asti, Avigliana, Collegno e Chivasso, dei reparti della divisione Tridentina, che avevano soggiornato per un anno in Piemonte, svolgendovi la preparazione per la nuova Campagna di guerra.

    »»

    Tutti a casa Contrin

    Ecco, anche oggi, 24 giugno si torna a casa! Gli alpini salgono al Contrin, come al solito, da 35 anni a questa parte, per celebrare il loro amore per la montagna e, come sempre, per non dimenticare. Puntuali si ritrovano in quel luogo straordinario, ai piedi della Marmolada, che nel tempo è stato definito in molti modi (rifugio, bivacco, baita, casa, città degli alpini…), ma che, oltre le definizioni, è la sintesi concreta della simbiosi tra l’alpino (inteso come uomo-soldato di montagna, fiero delle sue origini e della sua storia militare e associativa) e l’ambiente in cui l’Onnipotente ed il glorioso Corpo del nostro Esercito lo ha (almeno nell’iniziale impostazione) destinato a svolgere il sacro dovere della difesa della Patria.

    »»

    Merito della ronda

    Vorrei segnalarvi un episodio di umanità alpina vissuto personalmente. Un giorno, giovane sten., ero di picchetto alla caserma Druso di San Candido. La mattina presto, dalla casermetta di guardia, con la coda dell’occhio vedo uscire un paio di civili dal locale delle celle che, borbottando, se ne vanno. Molto sorpreso, imbarazzato e anche un po’ preoccupato chiedo al Capo Posto spiegazioni. E lui mi risponde: “Tutto merito della ronda”. E a me, sorpresissimo, spiega.

    »»

    La croce sulla Grignetta

    Grazie ad un elicottero, al soccorso alpino lecchese ed al Cai di Lecco, è stata rimessa al suo posto la croce che, a 2.177 metri sul livello del mare, si trovava assieme alla statuetta della Madonna sulla cima della Grignetta, la montagna che domina Lecco e sacra per tutti i lecchesi.

    »»

    Il grazie del Banco alimentare

    A nome del direttivo e di tutti i soci del Banco alimentare del Trentino Alto Adige, esprimo il più sentito ringraziamento per la generosa offerta che l’Ana ha voluto devolvere a favore della nostra Associazione, in occasione dell’Adunata di Trento.

    »»

    Il generale Pecori Giraldi

    Leggo nel numero di giugno una lettera semi-anonima di un non meglio identificato C.P. il quale lamenta, fra le altre cose, che a Bassano ci sia un viale intitolato a Guglielmo Pecori Giraldi: vorrei ricordare che fu tra i nove senatori che, nel 1938, votarono contro le leggi razziali. Mentre tanti (troppi) applaudivano o tacevano, egli seppe pronunciare un fiero no, tenendo la fronte alta e la schiena dritta, incurante delle possibili conseguenze.

    »»

    L'utilità della naja

    Gaetano Giugliano nella lettera pubblicata sul numero di maggio fonda la sua contrarietà al ripristino del servizio militare obbligatorio asserendo che durante la naja “si controllava solo la polvere su scaffali ed armadietti e si faceva la caccia alla ragnatela”.

    »»

    Spirito di accoglienza o demagogia?

    Il 23 giugno in piazza Petrella a Genova/Rivarolo c’è stata la cerimonia per l’inaugurazione del restaurato monumento ai Caduti delle due guerre mondiali; il locale Gruppo partecipa con gagliardetto e una squadra di alpini. Fra gli altri partecipa anche l’Anpi rappresentata da un folto gruppo di ragazzotti africani con tanto di fazzoletto rosso dell’Anpi (e questi che c’entrano)?

    »»

    In soccorso ai medici

    Vorrei segnalare che a Pordenone il locale Ordine dei Medici, con il “placet” della prefettura, si è accordato con l’Ana per supportare i sanitari della Guardia Medica che compiono visite esterne. In pratica ogni medico che uscirà sarà accompagnato da due alpini in congedo, in contatto con le forze dell’ordine.

    »»

    La marcia della pace

    Caro direttore, mi piace leggere le tue risposte perché c’è sempre bisogno, a qualsiasi età, di un confronto e leggendo il titolo de L’Alpino di giugno “Uomini di pace” vorrei esprimere un desiderio che coltivo da quando partecipo alla marcia per la pace Perugia-Assisi; in mezzo a tanta gente e tanti colori, a tante persone che ritengono la pace la cosa più importante mi piacerebbe vedere alpini con il proprio cappello.

    »»

    Insieme sull'Ortigara

    Quest’anno, come altri anni, io con alpini e amici sono salito alla Colonna mozza per partecipare alla cerimonia solenne che, come l’anno scorso, si è svolta vicino alla campanella e non attorno alla Colonna mozza.

    »»

    Il museo di Carlo Monti

    Con il nostro Gruppo ho avuto occasione di visitare un museo dell’alpino, realizzato in casa propria da un alpino piemontese. Eravamo tutti consapevoli che era realizzato da un appassionato alpino, quindi con ogni conseguente semplice aspettativa. Quello che invece abbiamo trovato è stato sbalorditivo! Degno e ben oltre di un museo ufficiale! Una raccolta di divise, elmetti, brande, barelle, basti per mulo, radio-telefoni, segnalatori, armi e proiettili, foto, illustrazioni, cartoline, cartografie ed infiniti altri oggetti che hanno caratterizzato la vita degli alpini dal 1872 al 1945.

    »»

    Rispettiamo la forma

    Il 1º luglio al sacrario del Col di Nava sono stati commemorati i 14mila alpini della Cuneense caduti in Russia. Al raduno era presente il Labaro scortato dal Presidente Favero e dai Consiglieri, il gen. Bellacicco, il Presidente della Sezione di Imperia, i sindaci della zona e quattro reduci della ritirata. 

    »»



RICERCA

Titolo
Testo
Autore
Argomento
Anno
Mese
 

2002/2018 © Ana.it. Tutti i diritti riservati. Questo sito è di proprietà della Associazione Nazionale Alpini
P.IVA/C.F. 02193630155
L'uso degli indirizzi mail riportati su questo sito è esclusivamente finalizzato ad usi associativi. E' vietata la riproduzione anche parziale - Marchio registrato
FAQ - Privacy - Credits