Editoria
Ricerca contenuti più recenti della categoria Editoria:

  • News (20)

    Presentazione della biografia ufficiale di Rigoni Stern a Brugnato

    Sabato 11 febbraio, alle ore 15, presso il Centro Congressi “Carlo Vitale” di Brugnato, Giuseppe Mendicino presenta il suo libro "Mario Rigoni Stern – Vita, guerre, libri", dedicato alla biografia ufficiale di Mario Rigoni Stern, tra i massimi scrittori del Novecento italiano.

    »»

    Cuneo: presentazione del libro "Un orologiaio sul Don"

    Giovedì 2 febbraio, alle ore 17,30 nel Salone d'Onore del Comune di Cuneo (via Roma 28), il Comitato Memoriale Divisione Alpina Cuneense delle Sezioni ANA di Ceva, Cuneo, Mondovì e Saluzzo, in collaborazione con l'Assessorato alla Cultura del Comune di Cuneo presenterà il libro "Un orologiaio sul Don - Storia d'amore e di guerra di un alpino", di Decimo Lucio Todde e Gianfranco Zurlo.

    »»

    “Mombarone 1991-2016: 25° di ricostruzione”, presentazione a Biella

    Mercoledì 23 novembre, alle ore 19,30, presso la sala convegni dell’ANA sezione di Biella - Biblioteca Antonio Pirini, in via Ferruccio Nazionale 5, sarà presentato: “Mombarone 1991-2016: 25° di ricostruzione”. Sarà presente l'autrice Margherita Barsimi Sala.

    »»

    A Verona, presentazione del diario del sergente Oreste Sinode Barotti

    La paura, il rumore frastornante dei colpi d'artiglieria, il freddo, le urla e la morte. Un racconto crudo, in "presa diretta". Per non dimenticare ciò che è stato. Per ricordare il dramma di un conflitto con la sua portata distruttiva. Sono pagine dense di emozioni quelle del libro «La mia guerra - Anni 1915-1918» che verrà presentato martedì 10 maggio alle 17.30 al Circolo Unificato dell'Esercito in Corso Castelvecchio, 4, a Verona (la presentazione sarà a cura del Ten. Isp. Gen. Antonio Scipione). Un'iniziativa della sezione scaligera dell'Ana, insieme al circolo culturale "M. Balestrieri" e al Circolo Unificato dell'Esercito.

    »»

    "Uomo a terra" presentazione a Verona

    Giovedì 29 ottobre, alle 19.30, presso la Società letteraria di Verona (piazzetta Scalette Rubiani 1, angolo di Piazza Brà, a Verona) sarà presentato il libro “Uomo a terra”, scritto dal ten. col. Federico Lunardi che racconterà la sua esperienza da osservatore privilegiato, in quanto è ufficiale medico, alpino paracadutista e ranger e ha svolto missioni in Bosnia, Afghanistan e in Antartide.

    »»

    Presentazione del libro "Pavia eroica, universitaria e… alpina"

    Il prossimo 4 novembre, alle ore 17, presso l’Aula Foscolo dell’Università degli Studi di Pavia (c.so Strada Nuova 65, Pavia) verrà presentato il libro di Ettore Avietti “Pavia eroica, universitaria e… alpina”.

    L’opera rievoca gli avvenimenti legati alla storia di Pavia con l’intento di rinnovare l'omaggio alla memoria di tanti alpini nati nel territorio pavese, o ad esso legati, per aver frequentato l’Università di Pavia come studenti o docenti.

    »»

    "Alpini d'Abruzzo", presentazione a L'Aquila

    Domenica 4 ottobre alle ore 10, all’Auditorium del Parco de L’Aquila, nell’ambito della seconda edizione del Festival della Montagna, sarà presentato ufficialmente il libro “Alpini d'Abruzzo” di Stefano Ardito, realizzato dalla casa editrice Ricerche&Redazioni di Teramo in stretta collaborazione con lo Stato Maggiore dell'Esercito Italiano e il Centro Studi ANA. Pubblicato in convenzione con Difesa Servizi spa, il volume reca due patrocini prestigiosi: quello dell’Esercito Italiano e quello dell’Associazione Nazionale Alpini. Partner istituzionali e sostenitori dell'iniziativa editoriale la Fondazione Carispaq e la Bper Banca.

    »»

    “Un alpino bresciano a Rossosch”, presentazione a Brescia

    Il 25 settembre, alle ore 20.45, presso la sede della sezione di Brescia (in via Nikolajewka, 15), avrà luogo la presentazione del libro di Giovanni Prestini “Un alpino bresciano a Rossosch”. Seguirà un dibattito con la partecipazione di Alessandro Rossi già vice presidente dell'ANA e Massimo Cortesi; moderatore Daniele Barbieri.

    »»

    ALPINI OGGI E DOMANI

    Qual è il lavoro quotidiano di un’unità operativa dell’Esercito Italiano? Cosa fanno i nostri soldati quando non sono impiegati nelle missioni internazionali di pace? Una panoramica sulle attività correnti della Brigata Alpina Taurinense porta alla scoperta (e ri-scoperta) di una realtà istituzionale efficiente, funzionale; una risorsa silenziosa, tangibile ed affidabile per il Paese e per la società civile.

    »»

    "Pordenone patria alpina", l'87ª Adunata in un libro fotografico

    Il 22 aprile, alle ore 18.30, presso la Sala del Consiglio Comunale di Pordenone (in corso Vittorio Emanuele, 64) verrà presentato il libro “Pordenone patria alpina - Viaggio fotografico all’interno della 87ª Adunata nazionale degli Alpini”. Sarà un’occasione per ricordare e rivivere uno degli eventi più importanti e belli della città.

    L'evento sarà trasmesso in diretta streaming sul sito del Comune di Pordenone: segui la diretta »

    »»

    “Storia militare dell’Afghanistan”, presentazione il 1° aprile a Milano

      Mercoledì 1° aprile, alle ore 18, nella Sala Radetzky di Palazzo Cusani (in via Brera 13/15) sarà presentato il libro “Storia militare dell’Afghanistan”, scritto dal gen. Giorgio Battisti e da Federica Saini Fasanotti.

    Oltre agli autori, interverranno il gen. Antonio Pennino, comandante militare Esercito Lombardia e il giornalista Toni Capuozzo.

    »»

    "Ritorno a Nikolajevka": presentazione a Milano

    Mercoledì 4 marzo, alle ore 18.30, presso la libreria "Les Mots", in via Carmagnola angolo via Pepe a Milano, Giancarlo Cotta Ramusino presenta il suo libro "Ritorno a Nikolajevka - A piedi sulle orme degli alpini nella grande ritirata di Russia", Terre di Mezzo editore.

    A distanza di 70 anni, cinque camminatori esperti partono per rivivere i luoghi attraversati dagli alpini della divisione Tridentina nella lotta stremata per la salvezza. Un reportage appassionato che racconta come nasce l’idea, l’organizzazione del viaggio e l’avventura di sei giorni in cammino, nella neve e senza mezzi di trasporto. Con tutte le informazioni utili per chi desiderasse ripetere l’esperienza.

    »»

    "Lembi di cielo", presentazione ad Albate

    Venerdì 21 novembre presso il salone della Comunità di Albate (Como) in via S. Antonino 47, il gruppo alpini di Albate organizza un incontro con Silvio Colagrande, già Direttore del Centro “S. Maria alla Rotonda” di Inverigo, fondato dal Beato don Carlo Gnocchi. Nella serata verrà presentato il libro “Lembi di Cielo - Gli occhi di un santo, gli occhi di un prete, gli occhi di un uomo”.

    »»

    "5 giugno Memorie di un deportato", presentazione ad Aosta

    Venerdì 6 giugno, alle ore 17:30, presso la sede della sezione ANA Valle d’Aosta (in via Saint-Martin-de-Corléans 132), sarà presentato il libro "5 giugno Memorie di un deportato".

    »»

    Presentato a Linguaglossa il libro "Il Monumento alla Batteria Masotto e alle Batterie siciliane"

    La Chiesa Madre dell'importante centro turistico etneo di Linguaglossa, ha ospitato la presentazione del libro "Il Monumento alla Batteria Masotto e alle Batterie siciliane" scritto dal prof. Vincenzo Caruso e dal giornalista Domenico Interdonato edito dalla casa editrice EDAS di Messina, collana "Lo Stretto di Messina nella Storia militare".

    »»

    “Il Monumento alla Batteria Masotto e alle Batterie siciliane”, aspettando il raduno del 4° RGPT

    Venerdì 30 maggio, alle ore 17, presso la Chiesa Madre di Linguaglossa (Catania), sarà presentato il libro “Il Monumento alla Batteria Masotto e alle Batterie siciliane”.

    »»

    LA GUERRA DI UGO E DEL LUIS

    Claudio Villani racconta un pezzo della sua vita, quello che abbraccia l’incontro con la figura del Luis prima, e di Ugo poi. Due alpini in Russia a fare la guerra nell’inverno del 1942. Eccoci trasportati in un altro luogo. Dispersi in un’immensa distesa bianca e grigia. Avvertire il freddo, la fame, l’inquietudine di una morte che ti sfiora appena, quindi se ne va. E poi eccola ancora, tocca il tuo compagno, lo addormenta su un letto di neve e di nuovo fugge lasciando in te il tormento d’un possibile ritorno. Chissà quando.

    »»

    ROCCAFORTE AFGHANISTAN

    "Roccaforte Afghanistan" è un military thriller a metà fra Tom Clancy e Andy McNab, con un’unica grande differenza: protagonisti assoluti sono l’Esercito Italiano e in particolare gli alpini.
    Alain D. Altieri, maestro italiano dell’action-thriller, parlando dell’autore nella prefazione afferma: “Pavan Bernacchi si conferma un solidissimo narratore di intrighi bellici. Da non dimenticare il suo esplosivo, a tutt’oggi profetico, ‘Non uccidete Bin Laden’”.

    »»

    “49 sfumature in grigio verde”, presentazione ad Arzignano

    Sabato 15 febbraio, alle ore 20.30, presso la Biblioteca Bedeschi di Arzignano (Vicenza) sarà presentato il libro di Villi Lenzini “49 sfumature in grigio verde”. Allieterà la serata il coro Sondelaite di Chiampo.

    »»

    "Ritorniamo a Rossosch" presentazione a Breno il 24 gennaio

    Il libro “Ritorniamo a Rossosch - Operazione Sorriso 1993-2013. Il sogno realizzato, vent’anni dopo”, sarà presentato a Breno il 24 gennaio alle ore 20, presso il Palazzo della Cultura (in via Garibaldi).

    »»
  • Pagine (1)

    E-book

    Dal 2011 l’Associazione ha edito tre e-book nella collana “I quaderni dell’Associazione Nazionale Alpini” che raccolgono pagine di storia quasi del tutto sconosciute, con l’intento di divulgare e perpetrare “le glorie dei nostri avi”.

    »»
  • Articoli Alpino (20)

    La storia a fumetti

    Da molti gli anni gli alpini della Protezione Civile della Sezione di Treviso, coordinati da Sergio Furlanetto, curano il ripristino e la manutenzione del museo all’aperto sul Lagazuoi. Dapprima le gallerie del Lagazuoi collaborando con il Comitato Cengia Martini-Lagazuoi e successivamente i manufatti sul Sasso di Stria, il contrafforte che sosteneva la linea difensiva austriaca al Passo di Valparola. Nei tanti anni trascorsi, è stato possibile recuperare e ripristinare le postazioni italiane e austriache realizzate durante la Grande Guerra.

    »»

    IL CONTADINO CHE CONOBBE BATTISTI

    Gli autori, dopo aver custodito per anni il diario del nonno materno, hanno deciso in occasione del centenario della Grande Guerra, di raccontare la storia unica e particolare di Albino, un soldato austro-ungarico, tratteggiando la saga della sua famiglia. Albino riceve sul finire della propria vita una lettera inaspettata e non voluta, che lo riporterà a rivivere e rileggere la propria storia. Sotto una forma romanzata, questo libro raccoglie la vita reale del protagonista, proponendo attraverso il suo diario uno scorcio sulla prima guerra mondiale, un po’ trascurato dalla trattazione storica, largamente divulgata. Per non dimenticare quei soldati di lingua italiana che hanno combattuto sotto un’uniforme straniera. Per non dimenticare le piccole storie e vicende che hanno caratterizzato la vita di ognuno di loro. Per non dimenticare che la guerra non è mai una soluzione.
    »»

    L’Orobica canta De Marzi

    Le poesie di Bepi De Marzi trasportate con passione dalla forza espressiva della musica. È questo il filo conduttore dell’ultimo Cd del Coro Alpino Orobica che sarà presentato domenica 25 settembre, alle ore 16, presso la Chiesa di Santo Stefano a Mariano Comense (in via Santo Stefano, 46). 

    »»

    TRIDENTINA - I giorni della gloria

    All’inferno o alla gloria: per un soldato dipende sempre dai punti di vista e dalla scelta individuale. E in quei tragici giorni del gennaio 1943 in terra di Russia, gli alpini della Tridentina e quelli della Cuneense e della Julia andarono deliberatamente alla gloria. E furono, senza retorica, tutti eroi: i caduti e i sopravvissuti. La Tridentina fu l’unica grande unità italiana ad uscire praticamente imbattuta dalla disastrosa Campagna di Russia, scrivendo, per la storia, una rara pagina di valore militare nella vittoriosa battaglia di Nikolajewka, preceduta da ben undici sanguinosi combattimenti, sempre vittoriosi, contro le avanzanti colonne corazzate russe. Una limpida vittoria delle armi italiane anche se conseguita nel corso di una ritirata apocalittica.
    »»

    MALATO D’INFINITO - Don gnocchi e le virtù

    Concepito dall’autrice come una summa delle virtù del Beato, il libro ripercorre la vita del fondatore della Pro Juventute sul modello delle sette virtù, teologali e cardinali. Un modo inedito per rileggere l’umana avventura del “papà dei mutilatini” insieme a ciò che ha saputo incarnare e comunicare sul sentiero di un Amore unico e totale. Un contenitore di brani, riflessioni, pubbliche e private, attraverso cui don Gnocchi, prototipo senza tempo di uomo, sacerdote e alpino, continua a dar voce alla propria idea di virtù, qui illustrata mediante le sue parole, le opere e le testimonianze di chi lo ha conosciuto di persona, arricchite dalla prefazione del cardinale Tettamanzi. Il libro contiene inoltre un “QR code” per approfondimenti multimediali che vanno dalla proclamazione della beatificazione a dichiarazioni, lettere e documentari di colui che ha speso tutta la vita a servizio dei bisognosi e dei più fragili. Indispensabile per comprendere meglio la sua vita di fede e il suo rapporto con Cristo. Un modello per tutti gli educatori.
    »»

    IL MORMORIO DEL PIAVE

    Il Coro Ana di Oderzo racconta e si racconta attraverso testi e immagini di luoghi ormai entrati nella memoria. Un lavoro chiaro, piacevolmente impaginato, quasi una moderna pagina di diario con tanto di spartiti sui canti della Grande Guerra, foto a colori e d’epoca, con lo scopo di valorizzare meglio il canto degli alpini e della tradizione popolare presente sul territorio. Una pubblicazione voluta in occasione del centenario che oltre a testimoniarne i posti e gli avvenimenti vuole offrire uno spunto per la riacquisizione del repertorio canoro di quegli anni mediante esibizioni dal vivo che coinvolgono tutti gli abitanti nei dintorni del “rumoroso” Piave.
    »»

    TORNERÀ LA PRIMAVERA

    Il ricordo della Divisione Alpina Cuneense in Russia Un asciutto docufilm realizzato dal comitato per la costituzione del memoriale di Cuneo, insieme ai fratelli Panzera, per commemorare gli 80 anni della Divisione alpina Cuneense. Un viaggio nel viaggio con un occhio moderno per far rivivere alle nuove generazioni le gesta degli alpini e rispondere alla domanda: “Cosa abbiamo lasciato alla nostra gioventù?”. Ed è da qui che muove i passi la narrazione, con la curiosità che contraddistingue un bambino di undici anni, Filippo, che incalza la madre di domande sul bisnonno e sulla rovinosa campagna di Russia, sui cimeli e le fatiche provate sul campo durante quell’inverno…
    »»

    FRATEL LUIGI DEGLI OSPEDALI

    L’autore, ex allievo salesiano, ha conosciuto personalmente fratel Bordino. In questa biografia ne ripercorre la vita, dall’adolescenza in una famiglia contadina ai patimenti della guerra vissuta da artigliere della Cuneense fino alla prigionia in Siberia. Patimenti che lo segneranno per sempre, tanto che al suo ritorno a casa scelse di diventare un laico consacrato all’assistenza dei malati e dei poveri. Impegnato in questo servizio, spese tutta la sua vita al Cottolengo di Torino. Morì di leucemia nel 1977, tuttavia anche durante la sua dolorosa malattia non smise mai di ringraziare Dio. Dalle testimonianze raccolte in questo libro emergono i tratti di una personalità fuori del comune e di una fede incrollabile, vissuta nella quotidianità.
    »»

    LE CURIOSITÀ DELLA GRANDE GUERRA

    Un vademecum di dati statistici, curiosità, aneddoti, biografie, ricostruzioni di alcuni combattimenti. E di donne in guerra. La lettura di questo volumetto, agile e senza fronzoli, aiuta a capire le caratteristiche e le dimensioni del conflitto, senza utilizzare luoghi comuni e senza pregiudizi. Molto utile l’indice per argomenti che apre il libro.
    »»

    ANIMALI DI MONTAGNA

    Questo bellissimo “manuale” sugli animali da montagna (è il secondo dopo quello dedicato alla flora) è un’opera molto curata e ineccepibile dal punto di vista scientifico dal momento che l’autore, alpino iscritto alla Sezione di Pinerolo, è ricercatore presso l’università del Piemonte orientale. Gli amanti della montagna troveranno in questa guida un ausilio per le loro escursioni: sapranno riconoscere gli animali, i loro habitat, dove incontrarli e come identificarne la presenza. Dall’aquila reale all’upupa, dal lupo all’ermellino: 137 specie animali raccontate da Fenoglio con 530 splendide foto di Battista Gai.
    »»

    STORIA MILITARE DELL’AFGHANISTAN

    «A differenza di tutte le altre guerre quelle afgane diventano serie solo nel momento in cui sono finite». Quella dell’Afghanistan è una storia di guerra. Nessuno straniero è stato in grado di conquistarlo, nessun esercito, anche il più moderno, è riuscito ad avere la meglio sui guerrieri afgani. Nemici esterni, ma soprattutto guerre civili e rivolte hanno segnato la storia di questo Paese nel corso dei secoli minandone la struttura sociale ed economica e relegandolo tra i più poveri del mondo. Dopo l’11 settembre 2001 e l’attentato terroristico alle Twin Towers di New York, l’Afghanistan è tornato al centro della storia. Ed è stata nuovamente la guerra. Questa volta condotta dall’America, attraverso l’operazione Enduring Freedom alla quale si è aggiunta un’altra missione, l’International Security Assistance Force (Isaf), sostenuta da decine di nazioni con uomini, strumenti e mezzi.
    »»

    PORDENONE PATRIA ALPINA

    Un’immagine può raccontare più di mille parole. Questo insieme di scatti cattura una magia: quella vissuta a Pordenone con l’87ª Adunata nazionale degli alpini. A firmare le immagini sono professionisti, amatori e fotografi improvvisati: la naturalezza è il filo conduttore di questo libro fotografico tutto da sfogliare, per rivivere quei momenti di gioia. E per ringraziare due protagonisti indiscussi della manifestazione: le penne nere e la città. Libro di grande formato con copertina cartonata
    »»

    DEL MIO LUNGO SILENZIO

    L’autore racconta la Grande Guerra attraverso le parole dei protagonisti, in maggioranza bresciani, con documenti inediti e sorprendenti, spesso frutto di una lunga ricerca. A confronto, il punto di vista di due classi sociali e culturali lontane, ma fianco a fianco nella vita di trincea: i contadini dediti al duro lavoro nei campi e quasi tutti neutralisti, e gli intellettuali (studenti e professionisti) di cui molti interventisti. L’insieme dei documenti diventa un racconto coinvolgente, che l’autore commenta senza esprimere giudizi.
    »»

    LA GRANDE GUERRA

    Il libro, nella parte iniziale, tratta il fronte macedone e i suoi campi di battaglia poco conosciuti. Nella seconda parte, intitolata “L’ultimo atto del grande Conflitto”, ripercorre le azioni di guerra vissute dalle nostre truppe dopo Caporetto. La Grande Guerra è conosciuta soprattutto per le battaglie del fronte isontino, ma qui si parla anche di fatti e personaggi in lidi più lontani, al di là dell’Adriatico, in terra di Macedonia. I fatti d’arme sono intercalati dai colloqui di due personaggi. Pagg. 114 - euro 14.

    Il libro “Zona Carnia-Cuckla Rombon-Monte Nero” ripercorre e sviluppa avvenimenti che talvolta troviamo descritti in termini non aderenti alla realtà storica, rendendo finalmente giustizia ai combattenti che si sacrificarono in Carnia e Slovenia. Nella prima parte si parla di un fatto avvenuto sul fronte carnico nel 1915 e l’indagine prosegue con i fatti di guerra del Monte Nero e la disfatta di Caporetto, contemplando gli atti del conflitto armato per la conquista del Cukla-Rombon in Slovenia e del ripiegamento per la Stretta di Saga. Pagg. 223 – euro 18.

    »»

    DUE E UN OTTOMILA

    Messner parte insieme ad Habeler per il Karakorum: l’obiettivo è l’Hidden Peak (8.066 m). Vuole dimostrare che una cordata a due è molto più veloce e votata al successo che non una spedizione “pesante”, complicata dal punto di vista della logistica e assai costosa. Il libro contiene inoltre la storia alpinistica del Gasherbrum, uno sguardo retrospettivo che secondo Messner è un atto dovuto: chiunque voglia approcciarsi alle vette deve conoscere la strada percorsa dai suoi predecessori.
    »»

    L’INVOLONTARIO DI GUERRA

    Leo Torrero nacque a Torino nel 1893. Ufficiale nella Grande Guerra, intraprese poi la carriera di pubblicista e fu giornalista per “Il Brennero” di Trento. Scrisse una storia sull’irredentismo trentino, anche se le sue opere più famose furono i volumi di novelle umoristiche. Nel libro “L’involontario di guerra” questa sua capacità di far sorridere persino davanti a fatti tragici come la guerra, risulta essere elemento vincente. Sono numerosi e in continua produzione, i volumi che raccontano e analizzano la Grande Guerra, le battaglie, le drammatiche vicende umane. Pochissimi, invece, i libri che hanno utilizzato l’umorismo - che spesso, nelle vicende umane, si annida tra le pieghe del dramma - come insolita chiave di lettura.
    »»

    GIORGIO LAVERDA - DIARIO D’ALBANIA 1940-1942

    “Giorgio Laverda diario d’Albania” riporta integralmente il diario di guerra tenuto dal ten. Giorgio Laverda del 5º reggimento artiglieria alpina, gruppo Belluno, divisione Pusteria. È arricchito con lettere dal fronte. Entrambi contengono bellissime foto d’epoca, alcune inedite.
    »»

    GIULIO OSTILIO LAVERDA IL TENENTE BUONO 1914-1941

    La storia di due fratelli ufficiali negli alpini: entrambi combattenti sul fronte greco-albanese. Uno dei due non fece ritorno. “Giulio Ostilio Laverda - Il tenente buono” presenta la figura di Giulio Laverda, comandante della 16ª compagnia del btg. Cividale, morto nel dicembre 1941 a causa delle ferite e della malattia contratte durante le prime fasi del conflitto e decorato di Medaglia di Bronzo al Valor Militare. Alcune pagine sono dedicate alla storia del btg. Cividale.
    »»

    IL GRUPPO ALPINI VIGGIÙ-CLIVIO

    Attraverso documenti e foto d’archivio, il libro racconta la storia della gente dei due paesi che combatté sotto diverse divise: napoleoniche, austriache, garibaldine e italiane, nelle file dei cospiratori e dei partigiani, sulle barricate e nelle trincee, nella sabbia e nel fango, nel ghiaccio e nella neve, in cielo e in mare. Di ciascuno di loro, oltre a nome e cognome, sono ricordati i sacrifici e le paure che affrontarono, lontani dalle famiglie, rimaste in trepidante attesa. Una testimonianza preziosa perché riporta una fitta corrispondenza, gelosamente conservata e riportata alla luce solo di recente.
    »»

    QUANDO AVEVO UNA VENTINA D’ANNI

    I diari di 8 alpini che hanno servito la Patria durante le guerre del secolo scorso riportati nella loro genuinità: frasi incomplete, altre piene di rancore e sofferenza, altre piene di speranza, del desiderio di ritornare a casa, agli affetti, aneddoti, alcuni divertenti. Tra i racconti si trova anche quello di un giovane alpino che ha servito dal 1943 al 1945 nella Rsi. Il tutto è corredato da foto d’epoca e da curiose carte topografiche vergate a mano.
    »»



RICERCA

Titolo
Testo
Autore
Argomento
Anno
Mese
 

2002/2017 © Ana.it. Tutti i diritti riservati. Questo sito è di proprietà della Associazione Nazionale Alpini
P.IVA/C.F. 02193630155
L'uso degli indirizzi mail riportati su questo sito è esclusivamente finalizzato ad usi associativi. E' vietata la riproduzione anche parziale - Marchio registrato
FAQ - Privacy - Credits