Dalle Truppe Alpine
Ricerca contenuti più recenti della categoria Dalle Truppe Alpine:

  • News (20)

    Gli alpini di Courmayeur campioni d'Italia

    La Sezione Sport Invernali del Centro Sportivo Esercito centra un altro importante obiettivo al termine della stagione 2016/2017 ottenendo il prestigioso risultato di società “Campione d’Italia” per il quinto anno consecutivo, ed il settimo nella sua storia, facendo ancora una volta da capofila alle oltre 1000 e più società appartenenti alla Federazione. Nell’ordine, il Centro Sportivo Esercito, grazie al contributo di tutti i suoi atleti delle discipline invernali ha preceduto rispettivamente il Gruppo Sportivo Carabinieri ed il Gruppo Sportivo Fiamme Gialle.

    »»

    Una palestra di roccia per l'addestramento alpinistico delle Forze afghane

    Presso la base di Camp Arena in Herat, alla presenza di numerose rappresentanze delle componenti militari locali e di Coalizione, si è tenuta la cerimonia di inaugurazione del nuovo Afghan Special Security Forces Warfare Training Center  (ASSFF –WTC) realizzato dai Ranger del 4° Reggimento Alpini Paracadutisti e  dagli Alpini della Taurinense attualmente alla guida del Train Advise Assist Command West (TAAC W).

    »»

    Arruolati i nuovi atleti militari del Centro Sportivo Esercito

    Lo scorso 16 ottobre si sono presentati all’ingresso della Caserma “L. Perenni” di Courmayeur i 12 vincitori del Bando di Concorso straordinario per atleti militari del 2017 che, a partire dal mese di novembre, gareggeranno con i colori del Centro Sportivo Esercito.
    I vincitori del concorso, frequenteranno un primo corso di inquadramento al nuovo status di militari intervallato da attività di allenamento sfruttando le strutture della sede della Sezione Sport Invernali del Centro Sportivo Esercito. 

    »»

    Afghanistan: poliziotte abilitate a lotta agli ordigni esplosivi improvvisati

    Si è concluso dopo circa 10 giorni di attività teoriche e pratiche il corso di  “Counter IED Awareness Train the Trainers” dedicato alle agenti della Polizia di Herat, che d’ora in poi potrà contare su 6 poliziotte abilitate al contrasto e all’insegnamento delle procedure necessarie alla lotta agli ordigni inesplosi ed improvvisati a favore del personale delle forze di sicurezza locali.

    »»

    Afghanistan, simposio sul contrasto alla corruzione nella pubblica amministrazione

    ​Si è svolto presso Camp Arena, sede del Comando del Train Advise Assist Command West (TAAC-W), il 1° Simposio sul tema del “Contrasto alla corruzione nella Pubblica Amministrazione” tenuto a favore delle forze di sicurezza afgane di Herat per approfondire e dibattere argomenti relativi al quadro normativo vigente finalizzato a realizzare le possibili e necessarie misure atte ad ostacolare il fenomeno della corruzione.

    »»

    I Mangusta raggiungono le 12.000 ore di volo in Afghanistan

    Con una missione di “fly to advise” a Shindand, destinata al trasporto degli advisor italiani del Train, Advise and Assist Command West presso le sedi di battaglioni (kandak) afghani a sud di Herat, gli elicotteri italiani da Esplorazione e Scorta (EES) Agusta AH129 “Mangusta” hanno raggiunto oggi le 12.000 ore di volo in dieci anni di presenza in Afghanistan. E’ dal mese di giugno 2007, infatti, che i Mangusta sono stati rischierati da Kabul ad Herat effettuando oltre 6.700 missioni di volo.

    »»

    Iraq: gli alpini della Task Force Praesidium in supporto degli ingegneri militari statunitensi

    Nei giorni scorsi, presso la Diga di Mosul, si è conclusa una complessa attività di verifica dei lavori di ricostruzione di un ponte, condotta da una squadra di alpinismo della Task Force “Praesidium” a favore del personale del US Army Corps of Engineers (il Corpo ingegneri dell’Esercito statunitense).
    Un team di istruttori e comandanti di squadra soccorso del 3° reggimento alpini, hanno collaborato con alcuni tecnici militari USA, realizzando sotto la sede stradale che percorre la sommità della infrastruttura idraulica un complesso passaggio aereo a doppia corda, lungo oltre 30 metri. Il lavoro è servito a verificare e valutare lo stato dei lavori eseguiti e il livello di sicurezza complessivo della struttura.

    »»

    Un “Ponte della solidarietà” per i bambini e i disabili di Herat

    La Cooperazione Civile e Militare (CIMIC) italiana del Train Advise Assist Command West (TAAC-W), su base Brigata alpina Taurinense, ha organizzato e condotto la consegna di materiali didattici, sportivi e ludici, donati dalla ONLUS “Ampio Raggio” di Boscoreale (Napoli), il cui presidente stesso ha partecipato alla cerimonia, in quanto graduato del Reggimento Logistico Taurinense.

    »»

    Il ten. col. Cigolini nuovo comandante del “Morbegno”

    Si è svolta questa mattina nel piazzale della caserma Menini De Caroli di Vipiteno la cerimonia di cambio del comandante del battaglione alpini Morbegno. Alla presenza del Comandante del 5° Alpini, colonnello Ruggero Cucchini e davanti ai reparti schierati il tenente colonnello Italo Giacomo Spini ha ceduto il comando al parigrado Massimiliano Cigolini.

    »»

    Conclusa la seconda fase della consulenza alle Forze di sicurezza afghane

    Oltre 130 advisor italiani inviati dal Train, Advise and Assist Command West (TAAC-W) su base Brigata Alpina Taurinense, hanno portato a termine la seconda fase di consulenza e assistenza avanzata ai comandi delle forze di sicurezza afghane (ANDSF) impegnati nella provincia di Farah nell’ambito della “Khalid” – la campagna messa a punto dal governo di Kabul per estendere e garantire la sicurezza nelle aree sensibili, in cui il controllo delle forze di sicurezza è più complesso.

    »»

    Gli alpini celebrano San Maurizio

    Questa mattina don Valentino Quinz, già cappellano militare, ha celebrato nella chiesa del Comprensorio militare Druso una Messa per ricordare San Maurizio, martire e dal 1941 celeste patrono degli alpini.
    Alla funzione religiosa hanno preso parte le massime autorità militari e civili del capoluogo altoatesino e una folta rappresentanza delle diverse Forze Armate, dei Corpi armati dello Stato, delle associazioni combattentistiche e d’Arma e delle infermiere volontarie della Croce Rossa presenti in Regione.

    »»

    Gli alpini della task force praesidium realizzano una palestra di roccia presso la diga di Mosul

    ​Presso il sedime della Diga di Mosul, alla presenza di numerose rappresentanze delle componenti militari locali e di Coalizione, si è tenuta la cerimonia di inaugurazione della nuova palestra di roccia realizzata dagli Alpini della Task Force Praesidium.

    »»

    Il gen. Radizza nuovo comandante del Centro Addestramento Alpino

    Dopo tre anni di intensa attività durante i quali il Centro Addestramento Alpino ha continuato a qualificare e formare personale nel settore tecnico alpinistico e del combattimento in montagna, con una offerta sempre più completa, diversificata e professionale, aumentando considerevolmente il numero dei frequentatori, il gen. B. Simone Giannuzzi lascia il comando del Centro Addestramento Alpino di Aosta. Nuovo comandante sarà il gen. B. Salvatore Paolo Radizza.
    La cerimonia si terrà domani, mercoledì 20 settembre, alle ore 11 presso la caserma “Cesare Battisti” di Aosta, mercoledì 20 settembre alle ore 11, alla presenza del comandante delle Truppe Alpine e delle massime autorità civili, militari e religiose.

    »»

    Afghanistan: aiuti all’ospedale regionale di Herat

    La Cooperazione Civile e Militare (CIMIC) italiana del Train Advise Assist Command West (TAAC-W), su base Brigata alpina Taurinense, ha organizzato e condotto la donazione di farmaci generici a favore dell’ospedale regionale di Herat, una delle poche strutture sanitarie che supportano la popolazione afgana nell’ovest.

    »»

    Afghanistan: a scuola con i bambini, per insegnare a difendersi dagli ordigni inesplosi

    E’ stata inaugurata nella base di Camp Arena, una campagna informativa rivolta ai bambini delle scuole della provincia di Herat, dedicata ai rischi connessi con il ritrovamento di ordigni inesplosi (UXO – Unexploded Ordance) ed improvvisati (Improvised Explosive Device - IED). L’iniziativa vedrà militari e poliziotti afgani delle Afghan National Security Forces (ANSF), supportati dagli specialisti militari italiani della cellula Counter-Improvised Explosive Device (C-IED), spiegare ai più piccoli come riconoscere, evitare e segnalare questi ordigni alle forze di sicurezza, in modo da scongiurare incidenti.

    »»

    “Fly to advise” per supportare le Forze di Sicurezza afgane nella provincia di Bagdhis

    Si è conclusa la prima attività esterna di “Train Advise e Assist” (addestrare, consigliare, assistere), condotta dagli advisor italiani a circa 150 km a nord di Herat a favore della 3ª brigata del 207˚ Corpo d’Armata dell’esercito afghano, dislocata a Qual-eye-naw. Il personale italiano del “Train, Advise and Assist Command West” (TAAC-W) ha svolto un’attività di “fly to advise” raggiungendo Qual-Eye-Naw, nella provincia di Baghdis, con lo scopo di coordinare e implementare la pianificazione speditiva e la condotta delle operazioni della 3ª brigata del 207˚, impegnata a mantenere la sicurezza in una provincia costantemente minacciata da attacchi terroristici dei gruppi ostili al governo ed alla popolazione afgana.

    »»

    La fanfara della Julia compie 50 anni

    Lo scorso fine settimana tantissimi udinesi hanno partecipato ai due eventi organizzati dalla Julia per festeggiare i 50 anni di storia della fanfara, testimone, in tutti luoghi dove viene chiamata ad esibirsi, delle tradizioni delle Truppe Alpine. Sabato sera il piazzale del castello di Udine si è riempito di alpini, amici degli alpini, appassionati di musica militare e di cittadini attirati dalla presenza della fanfara nel cartellone dei grandi eventi che Udinestate 2017 propone quasi ogni sera.

    »»

    Concerto a Udine per i 50 anni della Fanfara della Julia

    Il 22 luglio, alle ore 21, grande concerto per il 50° di fondazione della Fanfara della brigata alpina Julia al Castello di Udine, con la partecipazione del coro “Ardito Desio”. L’ingresso è libero.

    »»

    Il col. Merola nuovo Capo di Stato Maggiore delle Truppe Alpine

    Passaggio di consegne al Palazzo Alti Comandi di Bolzano, sede del Comando Truppe Alpine, dove da oggi il colonnello Michele Merola è il nuovo Capo di Stato Maggiore. A cedere il testimone il generale Ivan Caruso che lascia Bolzano per andare a Pisa, al comando delle Forze Speciali dell’Esercito.

    »»

    La Julia sui "Sentieri eroici" delle Alpi Carniche

    A conclusione di un intenso periodo di addestramento il 13 luglio la brigata alpina “Julia” ha svolto una marcia in montagna denominata “Sentieri Eroici”, lungo le vie sulle quali cento anni fa sono passati gli alpini e le truppe Austro-Ungariche durante le fasi della Grande Guerra. Scenario dei “Sentieri Eroici” sono state le Alpi Carniche delle province di Udine e di Belluno, nel comprensorio delle sorgenti del Piave, “fiume Sacro alla Patria”, ai piedi del monte Peralba a quota 1.830 e i monti Chiadenis e Lastroni, proprio lungo la linea del conflitto teatro di numerosi e sanguinosi scontri, atti d’eroismo e gesta d’alpinismo.

    »»
  • Pagine (2)

    Casta 2017 - Video e dirette streaming

    DIRETTE IN STREAMING

    Il programma delle dirette sarà il seguente:

    • Cerimonia di Apertura - lunedì 13 marzo dalle ore 15.00
    • Concerto Fanfare - martedì 14 marzo dalle ore 21.15

    • Fiaccolata - giovedì 16 marzo dalle ore 18.30

    • Atto tattico - venerdì 17 marzo dalle ore 10.45

    • Cerimonia di Chiusura - venerdì 17 marzo dalle ore 14.30
    »»

    Intervento Ana in Libano

    Dare un aiuto tangibile in Libano. È questo il senso della missione dell’Ana nella terra dei Cedri. Dal 16 al 31 marzo una squadra dodici volontari alpini, guidata dal Consigliere nazionale e Presidente della commissione Grandi opere Lorenzo Cordiglia, sarà impegnata nella riqualificazione del sito archeologico di Qana, nel Libano del sud, che ha un rilevante significato storico e religioso per la comunità cristiana maronita. 

    »»
  • Articoli Alpino (20)

    Sentieri eroici

    A conclusione di un intenso periodo di addestramento la brigata alpina Julia ha svolto una marcia in montagna sui “Sentieri eroici”, lungo le vie sulle quali cento anni fa sono passati gli alpini e le truppe austroungariche durante le fasi della Grande Guerra. Scenario le Alpi Carniche delle province di Udine e di Belluno, nel comprensorio delle sorgenti del Piave ai piedi del Monte Peralba a quota 1.830 e dei Monti Chiadenis e Lastroni, proprio lungo la linea del fronte, teatro di numerosi e sanguinosi scontri, atti d’eroismo e gesta d’alpinismo.

    »»

    Aiuto dalle Forze Armate

    L’operazione Sabina, iniziata nel novembre 2016 e conclusasi lo scorso 8 giugno, è stata una delle operazioni di soccorso alla popolazione più impegnative degli ultimi decenni. Per raggiungere l’obiettivo la Difesa ha messo in campo un dispositivo interforze che, nel momento di massimo sforzo, ha impiegato quasi 3.500 uomini e donne, oltre 1.400 mezzi e un ampio spettro di capacità ‘duali’. Si tratta di mezzi, materiali e competenze tipiche dello Strumento militare, che possono essere validamente impiegate anche per interventi di pubblica utilità e in caso di calamità naturali. 

    »»

    Il gen. Caruso al Comfose

    Il generale Ivan Caruso lascia Bolzano per andare a Pisa dove ricoprirà l’incarico di comandante delle Forze speciali dell’Esercito Italiano, il Comfose, che ha il compito di selezionare, formare e addestrare il personale destinato al comparto delle operazioni speciali dell’Esercito e a garantire l’addestramento delle unità alle sue dipendenze, integrandone e uniformandone anche la dottrina. Dipende direttamente dal comando delle Forze operative terrestri, comando operativo dell’Esercito con sede a Roma.

    »»

    Palestra di roccia

    Tra le Dolomiti ampezzane, patrimonio dell’Unesco e museo a cielo aperto della Prima Guerra Mondiale, si è svolta l’esercitazione “5 Torri 2017”, importante appuntamento internazionale per l’addestramento delle truppe da montagna. Ogni anno le attività diventano sempre più complesse e ricche di novità. 

    »»

    Nasce l’Orta

    Fiocco verde alla caserma Pasquali, sede del 9º Alpini. Lo scorso 29 maggio è nato il nuovo battaglione multifunzionale Orta che riprende la denominazione del 4º battaglione Genio pionieri, costituito nel novembre 1975 a Trento e sciolto nel 1993. Il nuovo reparto di circa 300 uomini è un battaglione specializzato nell’emergenza in caso di terremoto o di gravi eventi atmosferici ed entrerà in piena operatività entro un anno.

    »»

    Addestramento in Val di Susa

    Una giornata spettacolare sotto tutti i punti di vista. I monti dell’alta Valle di Susa, comunemente conosciuti come i monti della Luna, hanno vissuto uno dei momenti più belli degli ultimi anni. Un sole splendido, un cielo terso e dal blu intenso e poi loro, quei 1.128 uomini e donne tra alpini, artiglieri da montagna, genieri alpini, dragoni che lentamente e da vie diverse salivano al col Bousson a 2.155 metri di altezza. 

    »»

    Sfidarsi in montagna

    Era la memorabile estate del 1789. Mentre la Francia viveva il crollo della monarchia, il nobile trentanovenne Dèodat de Dolomieu, scienziato empirico e autodidatta, intraprese un viaggio in Tirolo. Camminò per oltre 1.300 chilometri lungo valloni, superando passi, oltre valichi inesplorati. E s’imbatté in una roccia nuova, diversa, capace di trattenere il bagliore dei raggi del sole, nell’ultima sera. Una pietra che, complice il destino, venne battezzata Dolomia perché figlia di monsieur Dolomieu, suo primo estimatore. Queste rocce hanno visto passare migliaia di alpini, in guerra e in pace. Monguelfo, Dobbiaco, San Candido, campi estivi e invernali, il 6º Alpini e il 2º artiglieria da montagna erano di casa qui. 

    »»

    Anni di pace

    Il decennale dell’ampliamento della United Nations Interim Force In Lebanon (Unifil) è stato il tema dell’incontro svoltosi presso l’Alta Scuola di Economia e Relazioni Internazionali dell’Università Cattolica di Milano, cui hanno partecipato anche il Capo di Stato Maggiore della Difesa, generale Claudio Graziano (già comandante e capo missione di Unifil dal 2007 al 2010) e il generale Franco Federici, già comandante della brigata alpina Taurinense in Libano tra il 2015 e il 2016. 

    »»

    Gli alpini vincono ancora

    Dal 2014 alla Scuola di Fanteria di Cesano (Roma) si svolge una competizione sportivo-militare in cui le rappresentative di tutti i reparti della Forza Armata si contendono il Trofeo “Capo di SME”. Scopo dell’attività è quello di accrescere la coesione tra le unità dell’Esercito ed esaltare le capacità fisiche e la preparazione tecnica del personale di ogni ordine e grado.

    »»

    “Da Caporetto alla Vittoria”

    Michele Pellegrino è un alpino piemontese di 17 anni, combattente sul fronte italiano nel 1917-’18. È il protagonista del libro a fumetti, disegnato da Luigi Piccatto e Giulia Massaglia e raccontato da Walter Riccio, attraverso il quale vengono narrate la Grande Guerra, le vicende degli alpini e più in generale quello che vissero in quel periodo gli uomini e le donne del nostro Paese. 

    »»

    Avvicendamento allo Sme

    Il generale di Corpo d’Armata Claudio Mora è il nuovo sottocapo di Stato Maggiore dell’Esercito. L’avvicendamento con il generale Giovanbattista Borrini, che lascia il servizio attivo dopo oltre 43 anni, è avvenuto lo scorso 3 novembre a Roma, alla presenza del Capo di Stato Maggiore dell’Esercito gen. Danilo Errico. 

    »»

    Alte onorificenze

    Ci sono due alti ufficiali alpini tra i militari insigniti dell’Ordine Militare d’Italia dal Presidente della Repubblica Sergio Mattarella, lo scorso 3 novembre. Sono il generale di Divisione Francesco Paolo Figliuolo già comandante della Taurinense, del contingente italiano in Afghanistan e delle Forze Nato in Kosovo, e il generale di Brigata Michele Risi che ha comandato la Julia in Patria e in missione in Afghanistan e attualmente è consigliere militare dell’ambasciatore italiano presso la Rappresentanza italiana della Nato di Bruxelles.

    »»

    Il gen. Caruso nuovo Capo di Stato Maggiore del Comando Truppe Alpine

    Il generale Ivan Caruso è il nuovo Capo di Stato Maggiore del Comando Truppe Alpine. Succede al generale Ornello Baron che ha ceduto il testimone dopo due anni. Per il Generale Caruso si tratta di un ritorno in Alto Adige, dove in passato ha ricoperto l’incarico di comandante del battaglione alpini Paracadutisti "Monte Cervino" e del 4° Alpini paracadutisti dal settembre 2002 al luglio 2007.

    »»

    Inaugurata l’Area della Memoria

    Nella caserma “Renato Arpaia”, sede del Comando per la Formazione, Specializzazione e Dottrina dell’Esercito, è stata inaugurata l’Area della Memoria, dedicata ai Caduti in servizio in Italia e all’estero. 

    »»

    In volo per il soccorso in montagna

    In occasione di una giornata dedicata all’addestramento alla ricerca e al soccorso in ambiente montano il 4º Altair ha ospitato nella base di Bolzano, gli elicotteri delle altre Forze Armate e le squadre di soccorso del Corpo Nazionale del Soccorso Alpino e Speleologico, del Bergrettungsdienst (Brd), delle Truppe Alpine e dei Carabinieri. 

    »»

    Il gen. Biagini alla guida della Taurinense

    Lo scorso 29 luglio si è svolta alla caserma Montegrappa la cerimonia di cambio di comando della Taurinense tra i generali Franco Federici e Massimo Biagini, che torna alla Brigata dopo l’impiego come Capo dipartimento al Centro Studi Post Conflit Operations del Comando per la formazione e scuola di applicazione dell’Esercito, a Torino. 

    »»

    Il generale Fabbri nuovo comandante della Julia

    Lo scorso 19 luglio nella splendida cornice del chiostro cinquecentesco della caserma Di Prampero, sede del Comando brigata Julia, ha avuto luogo il passaggio di consegne tra i generali Michele Risi e Paolo Fabbri, che proviene dal Centro Operativo di Vertice Interforze di Roma e ha prestato servizio nella Julia, a Tolmezzo, al 3º artiglieria da montagna in qualità di comandante del gruppo “Conegliano”.

    »»

    La migliore palestra

    In ascensione su ripide pareti di difficoltà fino all’VIII grado, traversate aeree con corde statiche, alternate a tecniche di soccorso con l’ausilio di elicotteri o calando e issando le barelle in roccia. Vedere gli alpini in azione nel loro ambiente naturale è sempre uno spettacolo. E vederli alle Cinque Torri, sulle Dolomiti patrimonio dell’Unesco, è ancora più emozionante. All’esercitazione multinazionale e interforze “Cinque Torri 2016”, organizzata dal Comando Truppe Alpine, hanno partecipato oltre 500 soldati provenienti da 13 nazioni, tra le quali Austria, Germania, Cile, Argentina e alcuni osservatori di Oman, India e Pakistan, candidate a partecipare in una prossima edizione.

    »»

    Missione Libano

    Dodici alpini appartenenti alle Sezioni di Asti, Bergamo, Luino, Monza e Salò, lavorando sodo e rinunciando a trascorrere le festività pasquali con la propria famiglia, in soli dieci giorni sono riusciti a portare a termine l’impegno promesso. In stretta collaborazione con ufficiali e soldati del Cimic (Civil- Military Cooperation) e con gli alpini della Brigata Taurinense il sito storico archeologico di Qana ha davvero cambiato faccia.

    »»

    Una fragile pace...

    Il generale Franco Federici ha passato tutta la vita militare negli alpini, da comandante di un plotone del battaglione Morbegno, alla guida del battaglione L’Aquila, alle pianificazioni delle missioni operative in Iraq e Afghanistan e, infine, al comando della gloriosa Taurinense. D’altronde buon sangue non mente: suo padre Luigi, anch’egli generale degli alpini, è stato comandante delle Truppe Alpine e comandante generale dei carabinieri dal 1993 al 1997, quando il numero uno dell’Arma era scelto fra i generali di Corpo d’Armata dell’Esercito. Dallo scorso ottobre il gen. Federici guida il contingente italiano in Libano. Una missione delicata in cui occorre far buon uso della saggezza, più che della forza. 

    »»



RICERCA

Titolo
Testo
Autore
Argomento
Anno
Mese
 

2002/2017 © Ana.it. Tutti i diritti riservati. Questo sito è di proprietà della Associazione Nazionale Alpini
P.IVA/C.F. 02193630155
L'uso degli indirizzi mail riportati su questo sito è esclusivamente finalizzato ad usi associativi. E' vietata la riproduzione anche parziale - Marchio registrato
FAQ - Privacy - Credits