Articolo Alpino

Sulla nostra Preghiera


  Argomento: Ana

Articolo di tipo Lettere al Direttore   pubblicato nel numero di Febbraio 2018 dell'Alpino


Ci risiamo con la Preghiera dell’Alpino. Ma quando finisce questa storia? Possibile che questo problema esista solo nella provincia di Treviso? Forse i sacerdoti trevigiani seguono un altro culto o un altro Vangelo che è diverso dal resto d’Italia? 

Eppure personalmente per motivi di servizio per portare il vessillo della Sezione di Asti nelle varie manifestazioni del Piemonte, Valle d’Aosta, Liguria, Lombardia, Emilia Romagna e Veneto, escluse le curie di Treviso e Vittorio Veneto, non ho mai riscontrato di problemi per la nostra preghiera, anzi i celebranti e presenti ascoltano in silenzio e devotamente, tanto più che è una preghiera rivolta a nostro Signore e alla Madonna. Tutti i credenti rivolgono suppliche e preghiere e le preghiere sono preghiere non insulti e tanto meno dichiarazioni di guerre contro altre religioni, ebrei, musulmani, protestanti, induisti, e buddisti, anche loro hanno le loro preghiere che recitano senza veti da parte di chi non segue il loro rito con buona pace di tutti.

Lorenzo Durante, Gruppo di Castelletto Merli, Sezione di Asti

Fintanto che si perde tempo sulle parole della Preghiera dell’Alpino, si evita di guardare in faccia i problemi ben più seri della Chiesa, a cominciare da quelli che rallentano o impediscono la diffusione del Vangelo e che non dipendono certo dagli alpini.

  12/02/2018

Commenti 0

 

2002/2018 © Ana.it. Tutti i diritti riservati. Questo sito è di proprietà della Associazione Nazionale Alpini
P.IVA/C.F. 02193630155
L'uso degli indirizzi mail riportati su questo sito è esclusivamente finalizzato ad usi associativi. E' vietata la riproduzione anche parziale - Marchio registrato
FAQ - Privacy - Credits