Articolo Alpino

Solidarietà spirituale


  Argomento: Ana

Articolo di tipo Lettere al Direttore   pubblicato nel numero di Gennaio 2018 dell'Alpino


Quando qualche visitatore dell’antica Chiesa di San Sebastiano vuole fare un selfie con noi, alpini di vigilanza, oppure si meravigliano di trovarci lì e vogliono sapere di più della nostra presenza, noi ci meravigliamo, ma forse hanno ragione è giusto che sappiano. Non è nostro ruolo, non è comune che degli alpini Ana, che normalmente vedono impegnati in commemorazioni militari, in attività di Protezione Civile, di solidarietà e in feste varie, si dedichino ad attività di volontariato culturale. 

Tuttavia il nostro Statuto, tra i diversi “scopi” più o meno visibili all’esterno, si propone anche di “promuovere e concorrere in attività di volontariato” finalizzate alla “formazione spirituale e intellettuale delle nuove generazioni”. È in questo spirito che il Gruppo di Pecetto Torinese, 25 anni fa propose al sindaco di aprire per la visita l’antica chiesa di San Sebastiano, del 1400; offrendosi, chiaramente volontari, per la vigilanza. La chiesa, con grande probabilità, era stata costruita dai frati ospitallieri per alloggiare i pellegrini che nel Medioevo, percorrendo quelle strade millenarie, scendevano, o salivano, dai passi della Val Susa, dal Nord della Francia diretti verso Roma e la Terra Santa oppure (in senso opposto) verso Santiago de Compostela. Ora, dopo 25 anni, gli alpini del Gruppo di Pecetto continuano ad accogliere e far visitare la meravigliosa chiesa con i suoi affreschi del Quattrocento di scuola Jaqueriana e di Jacopino Longo (inizio 1500), tutte le prime domeniche del mese e nelle occasioni particolari.

Elio Miranti Gruppo Pecetto, Sezione di Torino

Leggo la vostra lettera mentre un articolo di un quotidiano trentino riporta la notizia degli alpini di Cavedine (Trento) che hanno operato per il recupero di due importanti affreschi del 1400. Oltre ai complimenti a voi e a loro, va detto che tutto ciò che è bene sociale interessa gli alpini. Senza scordare che il servizio ai beni artistici è comunque un affinamento morale e spirituale, che aggiunge valore a valore allo stile alpino.

  09/01/2018

Commenti 0

 

2002/2018 © Ana.it. Tutti i diritti riservati. Questo sito è di proprietà della Associazione Nazionale Alpini
P.IVA/C.F. 02193630155
L'uso degli indirizzi mail riportati su questo sito è esclusivamente finalizzato ad usi associativi. E' vietata la riproduzione anche parziale - Marchio registrato
FAQ - Privacy - Credits