Articolo Alpino

Orgogliosi custodi


  Argomento: Nikolajewka

Articolo di tipo Articolo   pubblicato nel numero di Dicembre 2017 dell'Alpino


Brescia e Nikolajewka. Una storia lunga settantacinque anni, ormai. Una storia di cui le Penne Nere bresciane si sono fatte custodi ed orgogliose testimoni a livello nazionale. Proprio a Brescia, nel gennaio 1946, infatti, a soli tre anni dal doloroso epilogo della Campagna di Russia, alcuni Reduci della Tridentina si ritrovarono in un’osteria, per ricordare. Le centinaia di chilometri percorsi a piedi all’andata, tra i campi di girasole e quelli della ritirata sulla neve, avevano lasciato un segno profondo: mille storie tragiche e i volti degli amici visti scomparire, senza poter fare nulla. 

Perché, si dissero, lasciare che tutto cadesse nell’oblio e che tutti quei sacrifici non contassero niente? I Reduci erano determinati: i loro compagni non sarebbero stati dimenticati. E così avvenne, da lì in avanti: all’inizio erano un gruppetto di amici; un ruscello, ma divenne un torrente e poi un fiume. Nel giugno 1948, a Brescia, terra di reclutamento della divisione Tridentina, vennero conferite Medaglie d’oro alle Bandiere del 5º, del 6º reggimento alpini (e alla memoria del suo comandante col. Signorini) e allo stendardo del 2º reggimento artiglieria alpina.

Il 21 gennaio 1951 il gen. Luigi Reverberi fu insignito della Medaglia d’Oro. Con l’eroe di Nikolajewka, a Brescia, altri 78 reduci vennero decorati con medaglie d’argento, bronzo e croci al merito. Nel 1993, 50º anniversario, i reduci dell’Armata Rossa vennero a Brescia per stringere la mano ai nemici di allora davanti ai resti dei nostri Caduti rientrati dalla Russia grazie all’opera del conte Guido Caleppio, bersagliere reduce dalla prigionia e del gen. Benito Gavazza, già comandante del IV Corpo d’Armata Alpino, che presiedeva Onorcaduti.

Da allora l’Ambasciata della Federazione Russa in Italia è sempre stata presente a Brescia, ai livelli più alti, per sottolineare l’importanza del gesto, perpetuato ogni anno. Ma gli alpini bresciani hanno fatto di più: nel 1983, per il 40º, il Presidente della Sezione di Brescia, Ferruccio Panazza, tenente della 33ª del Bergamo, ferito ad Arnautowo, pensò che i monumenti fossero importanti, ma che un monumento “vivente” avrebbe assunto un significato ben più “pesante”. Ecco allora sorgere nel 1983 una struttura atta ad ospitare persone con disabilità (oggi sono 120), che porta il nome della leggendaria battaglia (“Scuola Nikolajewka”), costruita in sei mesi con il concorso di alpini delle tre Sezioni bresciane e grazie anche alla comunità bresciana. E che poche settimane fa ha visto la posa della prima pietra della “Nuova Nikolajewka”, una struttura che, accanto a quella attuale, ne raddoppia le volumetrie, adeguando gli standard e i servizi alle esigenze più avanzate. Ma gli alpini non si sono fermati qui.

Ancora Ferruccio Panazza è stato l’anima insieme all’allora Presidente nazionale Nardo Caprioli, reduce dell’Edolo, della realizzazione, nel 1993, dell’asilo di Rossosch, là dove sorgeva il Comando del Corpo d’Armata Alpino. Molte cose sono cambiate, da allora, ma Nikolajewka è rimasta un’eredità viva e concreta. Nel fine settimana più vicino alla data del 26 gennaio, perciò, a Brescia si tiene ufficialmente ogni anno il ricordo di questa battaglia. La celebrazione solenne di Nikolajewka si tiene nei quinquenni e quindi, per il 2018, in occasione del 75º anniversario, la Sezione di Brescia, in accordo con la Sede nazionale, ha promosso una serie di manifestazioni che coinvolgeranno le penne nere e la città dall’11 al 28 gennaio.

Il programma è ricco ed articolato (comprende, ad esempio, la ricostruzione storica di un accampamento militare al fronte russo sul terreno del Campo sportivo militare cittadino, oltre a mostre, esibizioni di cori alpini, caroselli di fanfare e lo spettacolo della Compagnia di danza di Stato russa dei cosacchi): il momento culminante sarà la sfilata di domenica 28 gennaio. Sabato 27 gennaio a Palazzo Loggia, sarà anche firmato un “Patto di fratellanza” tra le Genti bresciane ed il Popolo russo.

Massimo Cortesi


È possibile devolvere un contributo per la costruzione della nuova scuola Nikolajewka utilizzando l’Iban IT 76S0311111290000000014000 Ulteriori informazioni sul sito internet www.nikolajewka.it


IL PROGRAMMA DEL 75° »

  12/12/2017

Commenti 0

 

2002/2018 © Ana.it. Tutti i diritti riservati. Questo sito è di proprietà della Associazione Nazionale Alpini
P.IVA/C.F. 02193630155
L'uso degli indirizzi mail riportati su questo sito è esclusivamente finalizzato ad usi associativi. E' vietata la riproduzione anche parziale - Marchio registrato
FAQ - Privacy - Credits